Incoronato il 494° Papà del Gnoco: grande festa per il carnevale veronese

Serata di festa per l’Incoronazione in Gran Guardia del 494° Papà del Gnoco, Paolo Fabrello, al suo secondo mandato come Sire del Carnevale veronese.

Incoronazione di Paolo Fabrello come 494° Papà del Gnoco
Incoronazione di Paolo Fabrello come 494° Papà del Gnoco
New call-to-action

Grande commozione martedì sera alla celebrazione dell’Incoronazione del 494° Papà del Gnoco. Lo spettacolo svoltosi alla Gran Guardia con presenti più di 600 persone, condotto da Mauro Micheloni e Gigi Vesentini, si è aperto con i saluti dei “Veronesi nel Mondo” collegati in streaming dal Brasile, dall’Argentina, dal Canada e dal Belgio.

Il Presidente del Comitato Carnevale Bacanal del Gnoco, Valerio Corradi, protagonista sul palco insieme agli storici Papà del Gnoco, ha presentato i risultati di un 2023 ricco di successi per il Carnevale di Verona: il riconoscimento ufficiale da parte del Ministero della Cultura quale Carnevale storico con più di 600 anni, le tante attività svolte dal Museo del Carnevale (mostre temporanee, laboratori didattici, visite guidate ed eventi) e l’inaugurazione lo scorso luglio del Giardino d’ Estate, con la restituzione ai cittadini di un’area recuperata dal degrado.

LEGGI ANCHE: Sottopasso via Città di Nimes: eppur si muove

Incoronazione di Paolo Fabrello come 494° Papà del Gnoco
Incoronazione di Paolo Fabrello come 494° Papà del Gnoco

A seguire il saluto dell’assessora comunale Marta Ugolini, della Vice Presidente della Regione del Veneto Elisa De Berti con i consiglieri regionali Enrico Corsi e Alberto Bozza, il Presidente della Provincia di Verona Flavio Massimo Pasini e della Presidente delle Maschere della Provincia, Loretta Zaninelli.

Poi i due rituali: l’apertura con la meravigliosa celebrazione dell’investitura del Dio dell’Oro Andrea Hinek da parte del Duca della Pignata Gianfranco Ballini, due maschere tra le più importanti e amate della città.

L’Incoronazione del 494° Papà del Gnoco, con il passaggio della corona, il grande cappello ricco di riferimenti simbolici, e dello scettro “el piron” da Ermes Marchiotto, detto Fumo, a Paolo Fabrello, ha commosso tutti. E la commozione è continuata con la dichiarazione di Paolo alla moglie e alle figlie, a cui ha voluto dedicare questo secondo mandato.

LEGGI ANCHE: “Le Iene” a Verona per il caso Citrobacter: «L’analisi genomica ce l’hanno da diversi giorni»

Incoronazione di Paolo Fabrello come 494° Papà del Gnoco
Incoronazione di Paolo Fabrello come 494° Papà del Gnoco

Lo spettacolo animato dalle Majorettes Afrodite e dalla Marching Stomp Band è poi continuato con la consegna delle commende ad alcune delle maschere della città e della provincia di Verona, al Presidente della Provincia Flavio Massimo Pasini e al Vice Presidente della CCIA Paolo Tosi e Silvia Nicolis che hanno ricordato con affetto Riccardo Borghero, Segretario Generale dell’Ente scaligero, mancato in questi giorni.

Gran finale con il tocco divertente e goliardico di Jerry Calà, evergreen nella sua performance, attraverso Battisti, Morandi, Ricchi e Poveri e il meglio degli anni ‘60 e ‘70, per un momento di sorrisi, balli e musica che ben ha festeggiato l’Incoronazione del Sire nell’edizione del Carnevale 2024.

LEGGI ANCHE: Verona, assunzioni in Comune per giovani laureandi