“Il Teatro riparte”, a Verona protagonisti i giovani

Nell’ambito dell’iniziativa “Il Teatro riparte” organizzata dal Teatro Stabile del Veneto, lunedì 15 giugno a Verona si riaccendono le luci dello spettacolo dal vivo con i giovani della Scuola Teatrale d’Eccellenza e dei cori di A.LI.VE.

New call-to-action

Dopo mesi di chiusura e sipari abbassati, lunedì 15 giugno a Verona Lo spettacolo riparte dai giovani. Con una serata di musica e teatro organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto anche la città scaligera torna ad accendere le luci dello spettacolo dal vivo. In simultanea con altri eventi che si svolgeranno nelle piazze di Padova, Treviso e Venezia nell’ambito dell’iniziativa “Il teatro riparte” organizzata dallo Stabile del Veneto insieme alle amministrazioni delle tre città, lunedì alle 18.30 nel Chiostro di Sant’Eufemia saranno gli allievi della Scuola Teatrale d’Eccellenza – parte del Modello TeSeO Veneto, Teatro Scuola e Occupazione, frutto di un accordo di programma tra Regione Veneto e Teatro Stabile del Veneto in partnership con Accademia Teatrale Veneta – il coro di voci bianche, il coro giovanile e gli allievi della scuola teatrale di A.LI.VE. Accademia Lirica Verona a dare il via alla ripresa degli spettacoli in città.

Un appuntamento dedicato al Bardo e alla tradizione popolare veronese: con una selezione dei Sonetti di Shakespearead aprire la serata saranno gliallievi della Scuola Teatrale d’Eccellenza, seguiranno poi il coro di voci bianche e il coro giovanile di A.LI.VE Accademia Lirica Veronadiretti dal maestro Paolo Facincani, che si esibiranno nel Canto degli Italiani e in un repertorio di canzoni che varia dalla tradizione veronese, come La bicicleta o il celebre Voria cantar Verona, in ricordo del poeta Berto Barbarani, a brani di musica moderna, rythm and blues, melodica italiana, pop contemporaneo e musical. L’accompagnamento musicale sarà del maestro Claudio Sebastio al pianoforte e Fabio Cobelli alla batteria. Anna Pasqualini, Annamaria D’Onghia e Nicolò Bruno, allievi della Scuola di Teatro di A.LI.VE. diretta dalle docenti Silvia Masotti e Camilla Zorzi, reciteranno una scena dialogata e un monologo tratti da Re Lear e Il Mercante di Venezia di Shakespeare.

Il teatro riparte sotto il segno di una collaborazione tra Teatro Stabile del Veneto e Comune di Verona che continuerà anche per tutta l’estate con tre produzioni e co-produzioni che animeranno l’Estate Teatrale Veronese e il 71^ Festival Shakespeariano: Romeo e Giulietta, una co-produzione con il Teatro Stabile di Bolzano, che porta in scena una riscrittura della celebre tragedia shakespeariana a cura di Babilonia Teatri con Ugo Pagliai e Paola Gassman, lo spettacolo Stand Up Shakespeare con Paolo Rossi, sempre in co-produzione con lo Stabile di Bolzano e Poetry Death Match con i venti giovani attori diplomati della Scuola Teatrale d’Eccellenza diretti da Giorgio Sangati.

Mentre a Verona Lo spettacolo riparte dai giovani, a Padova nel cortile di Palazzo Moroni (ore 18.30) l’attore Fabio Sartor e il primo violoncello dell’Orchestra di Padova e del Veneto portano in scena un evento di Teatro e musica, a Treviso in Piazza dei Signori (ore 19.00) Red Canzian riabbraccia la sua città con La musica non si ferma il primo concerto dal vivo dell’Italia post lockdown. A Venezia, invece, in Campo San Polo (ore 18.30) i comici Carlo & Giorgio danno vita alla commedia Sotto la maschera introdotti dalle voci della Big Vocal Orchestra e dei Vocal Skyline.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito, ma con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti. La capienza dei luoghi in cui si terranno gli spettacoli, infatti, è limitata nel rispetto delle misure di sicurezza per la prevenzione dei contagi. Per consentire al maggior numero di spettatori di assistere agli spettacoli, tuttavia, le serate verranno trasmesse in diretta streaming sul sito del Teatro Stabile del Veneto e sulle pagine Facebook dei Teatri Verdi di Padova, Goldoni di Venezia e Mario Del Monaco di Treviso.