Il Purgatorio di Dante approda alla Dogana di Fiume

Secondo dei tre appuntamenti a cadenza annuale che il progetto "Dante 700" ha organizzato in vista dell'anniversario della morte del Padre della lingua italiana. Teatro, musica e danza contemporanea guideranno l'evento.

alessandro anderloni purgatorio dante verona

L’Adige diventa un palcoscenico d’acqua per la seconda tappa di “Dante 700: Verona onora Dante”, progetto ideato da Alessandro Anderloni che approda alla Dogana di Fiume di Verona con lo spettacolo “Purgatorio”, in collaborazione con Canoa Club Verona, Associazione Le Falìe e l’agenzia Àissa Màissa.

Le date sono quelle dell’anniversario della morte di Dante Alighieri, settecento anni fa, la notte tra il 13 e 14 settembre. Nella città che gli fu “primo refugio e primo ostello” e nella quale visse per lungo tempo, Anderloni ha scelto il fiume come scenario di tre appuntamenti: il primo nel 2019 con l’Inferno al Lazzaretto; il secondo nel 2020 nel quartiere Filippini; il terzo nel 2021 con il Paradiso sulle rive di Castelvecchio.

Se lo scorso anno lo stesso Anderloni arrivò navigando su un ideale Adige-Acheronte, il fiume vedrà quest’anno un palcoscenico installato sopra l’acqua a ospitare l’anteprima assoluta di uno spettacolo di teatro, musica e danza contemporanea ispirato alla seconda cantica della Commedia.

La dizione di tre canti del Purgatorio (II, VI e XXX) sarà contrappuntata dalla musica originale del compositore Zeno Baldi, eseguita in live electronics dallo stesso autore. Sara Cavalieri e Paolo Ottoboni danzeranno sulle coreografie di Silvia Bertoncelli per un evento che andrà in scena, nel rispetto delle normative sanitarie, per un numero contingentato di spettatori con prenotazione obbligatoria in tre repliche giornaliere alle ore 19.30, 21 e 22.30 per due giorni.

«La Commedia inizia, finisce e ricomincia subito dopo con il cammino, – racconta l’autore, regista e protagonista dello spettacolo Alessandro Anderloni -. La montagna del Purgatorio è il faticoso cammino che compie un Dante cagionevole di stanchezza e tormentato dal dubbio, eppure rinvigorito dal pensiero di raggiungere la vetta, e lassù Beatrice. L’Adige ci accoglierà come l’approdo delle anime sulla spiaggia del Purgatorio, il suo inarrestabile scorrere accompagnerà la danza a evocare la fiumana di penitenti che salgono le sette cornici, i suoni dell’acqua e della città intorno saranno avvolti dalla musica che evocherà un movimento a spirale verso l’alto. Un’esperienza trasfigurante».

Il commento del compositore Baldi: «Il mio tentativo in questo spettacolo è attenermi molto da vicino al testo dantesco, possibilmente in modo astratto. Commento e accompagnamento musicale non saranno melodici in senso tradizionale, ma astratti. In generale lavorando su elementi specifici del Purgatorio: per esempio la forma della spirale, che richiama il concetto della salita e sto cercando di trasporre nell’architettura musicale; poi l’elemento acquatico che bene si attraverserà nell’elemento sonoro sotto varie forme».

Lo spettacolo è stato presentato oggi alla Dogana di Fiume. Erano presenti: Alessandro Anderloni autore, regista e ideatore del progetto “Dante 700: Verona onora Dante”; Luigi Spellini, presidente del Canoa Club Verona, partner del progetto; Zeno Baldi, compositore; Loretta Benedetti di Ceramiche Benedetti. 

Spellini commenta così l’iniziativa: «La Dogana è un teatro sul fiume e un luogo aperto a proposte culturali di valore. Questa seconda tappa di Dante sull’Adige si inserisce in un percorso per fare diventare la Dogana l’approdo culturale della città».

Lo spettacolo aprirà un anno di eventi danteschi che culmineranno con l’anniversario del 2021 e sarà celebrato anche con due oggetti d’arte che Ceramiche Benedetti e Lambertini offrono al capoluogo scaligero. Si tratta di due formelle artigianali con l’effige di Dante e la frase “Dante 700: Verona onora Dante” dipinte a mano e realizzate l’una in cotto della Sardegna e l’altra in ceramica di Vietri. Le formelle celebrative saranno proposte a tutte le botteghe, i negozi e gli esercizi commerciali di Verona perché le espongano nell’anno dell’anniversario.

La partecipazione allo spettacolo Purgatorio prevede un biglietto di ingresso unico di dodici euro acquistabile solo su prenotazione e fino a esaurimento di posti disponibili scrivendo a lefalie@lefalie.it.  Informazioni sul profilo Facebook “Dante Settecento” e sul sito di Le Falìe.