Fiera dei Santi Patroni e concerti: comincia così l’estate a Villafranca

Con la Fiera dei Santi Patroni alle porte e la stagione dei concerti in programma per il mese di luglio, si prospetta un'estate ricca per il Comune di Villafranca, il cui Sindaco Dall'Oca ai nostri microfoni ha espresso la propria opinione sugli eventi che sono stati allestiti.

È ormai alle porte l’edizione numero 308 dell’Antica Fiera dei Santi Pietro e Paolo, un evento che si terrà a Villafranca di Verona e che segnerà, dopo un anno di restrizioni, una vera e propria ripartenza per il paese, che finalmente ha l’opportunità di festeggiare.

«È una fiera – ha affermato ai nostri microfoni il Sindaco di Villafranca Roberto Dall’Oca – che si perde nella storia della città e che quest’anno è sinonimo di “ripartenza“. Una ripartenza tanto attesa e per cui i cittadini hanno sofferto molto e hanno perso la stessa socialità che invece tra poche ore avranno modo di riconquistare non solo grazie alla Fiera, ma anche a tutte le attività in programma. La nostra fiera poi punta ad abbracciare non solo il territorio villafranchese (l’idea era infatti quella di una “Fiera del Territorio”), infatti ospiteremo per esempio Isola della Scala con il riso, Vigasio con la polenta e Valeggio con i tortellini».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Tuttavia, non finisce qui il programma che il Comune ha in serbo per quest’estate, dato che il mese di luglio si prevede essere ancora più movimentato e coinvolgente. Imperdibili infatti i concerti, che ospiteranno alcuni tra i più grandi artisti della scena musicale italiana, tra cui Max Pezzali, Antonello Venditti, i Negrita e molti altri.

«Mettere insieme tutti questi big della musica italiana non è di certo stato facile, però ci siamo fatti trovare pronti nel momento in cui era necessario esserlo e siamo stati in grado di dare delle certezze in un periodo così complesso (basti pensare che abbiamo programmato tutto mentre eravamo in zona rossa). Devo poi ringraziare la Regione, il cui aiuto è stato fondamentale, dato che ci ha permesso di ampliare i nostri posti da 1000 a 2mila. Aggiungo – conclude infine il Sindaco – che però era quasi doveroso farlo dal momento che si ha a disposizione un castello che si può permettere di accogliere un numero così alto di persone in totale sicurezza».