90° Festival lirico di Verona: ecco un breve riassunto

– Verona – Si è concluso domenica 2 settembre il 90° Festival areniano in programma con 6 titoli e 50 serate. L’appuntamento ora è al Festival del Centenario 2013, per celebrare il primo secolo di Opera all’Arena di Verona.

“Diamo i numeri”
Il 90° Festival lirico all’Arena di Verona ha inaugurato il 22 giugno con Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, a cura del Maestro Franco Zeffirelli. Questa nuova produzione ha registrato un’affluenza di pubblico pari a 46.350 presenze nelle 6 recite, per una media a spettacolo di 7.725 spettatori.
A partire dalla serata inaugurale tutte le Prime hanno registrato importanti presenze (dato che attesta il gradimento del Festival 2012 ed il riconoscimento del suo alto valore artistico): Don Giovanni 22 giugno 10.395 spettatori, Aida 23 giugno 13.283 spettatori, Carmen 30 giugno 13.084 spettatori, Roméo et Juliette 7 luglio 9.711 spettatori, Turandot 4 agosto 10.064 spettatori Tosca 18 agosto 13.556 spettatori.
Per questa stagione 2012 è stata registrata la presenza di 426.390 spettatori in totale, con un’occupazione media di 8.528 spettatori a sera per le 50 recite in cartellone, pari al 62,13% dei posti disponibili (una contrazione del 8,4% rispetto al 2011), numeri che riposizionano il Festival sulle presenze della stagione 2010.
Anche la scelta del posto ha risentito del contesto di crisi economica generale, che rileva nel comparto turistico un indice negativo del 30% circa.

C’è sempre una “prima volta”
Per la prima volta al mondo Aida, la celebre opera di Giuseppe Verdi, sabato 23 giugno alle 21 è stata trasmessa in diretta 3D dall’Arena di Verona su Sky 3D, Classica e su Primafila, il servizio pay per view di Sky. Per questa produzione, realizzata da Sky3D e Classica in collaborazione con Fondazione Arena di Verona, Sky ha messo in campo ben 10 punti di ripresa e raffinati mezzi tecnici per un impegno che ha coinvolto a pieno ritmo oltre 40 unità lavorative. Non solo, Aida in 3D è approdata anche al cinema, grazie ad una partnership tra Sky 3D e The Space, che l’ha mandata in diretta in 36 sale cinematografiche del circuito The Space in tutta Italia. Per l’evento Piazza Bra a Verona si è animata di numerosi schermi e occhiali 3D in punti visione dislocati attorno all’anfiteatro e all’interno di una avveniristica “bolla-igloo” trasparente, che ha offerto gratuitamente a passanti, turisti e curiosi alcuni minuti di visione del capolavoro verdiano in scena dentro l’Arena, con il commento live del critico cinematografico Gianni Canova e della musicologa Silvia Corbetta.

I giovani e il web
Alla comunicazione istituzionale anche per quest’anno è stata affiancata e potenziata una comunicazione non convenzionale, che parla i linguaggi vicini al mondo dei giovani, adottata per promuovere la stagione e per catturare l’attenzione di fasce di pubblico sempre nuove: azioni di Street Marketing, flash mob, light performance, uso dei social network, partecipazione alle community, utilizzo di nuove tecnologie di comunicazione come la “realtà aumentata”, gift promozionali accattivanti.
Vivissima anche la fan page di Facebook dell’Arena di Verona con note, eventi e curiosità sugli spettacoli dal palcoscenico al backstage, che annovera ad oggi oltre 138.600 fan a cui “piace” il Festival, con un incremento di oltre il 60% rispetto al 2011.
Dedicato al pubblico della rete il canale YouTube ufficiale dell’Arena, che conta più di 300.000 visualizzazioni per 34 video ed oltre 200 iscritti, dove è possibile vedere i video ufficiali del Festival, ma anche flash mob e i live performances.
Per il 2012 la Fondazione ha ampliato anche la propria community social, aumentando la sinergia tra i networks già consolidati e affacciandosi alle nuove potenzialità comunicative di canali quali Pinterest, la bacheca virtuale di immagini e video dall’impatto altamente emozionale che conta già oltre 135 pins dall’inizio del Festival 2012 e quasi 200 likes, e Foursquare, con la branded page ufficiale dell’Arena di Verona che guida lo spettatore-visitatore alla scoperta dell’anfiteatro e delle zone circostanti.
Sempre aggiornato il sito internet istituzionale della Fondazione, ricco di informazioni e news quotidiane, visitato solo nell’ultimo anno da oltre 1.700.000 utenti da tutto il mondo e che conta ad oggi 56.703 contatti in mailing list, destinatari della newsletter periodica.

Il Festival lirico per il sociale
Alla luce dei gravi eventi accaduti, la Prima rappresentazione di Tosca del 18 agosto è stata dedicata alle popolazioni colpite dal terremoto del maggio scorso, con l’iniziativa “L’Arena per l’Emilia” promossa dal Comune di Verona e Fondazione Arena, per esprimere la commossa partecipazione della Città di Verona. Sono stati offerti 5.000 biglietti alle popolazioni colpite dal tragico evento, provenienti da 21 Comuni delle province di Ferrara, Modena, Bologna, Rovigo e Mantova.
Dopo l’invito ad accendere le tradizionali candeline, è stato osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto seguito da un lungo e sentito applauso del pubblico. Quindi l’intera Arena si è alzata in piedi per l’esecuzione dell’Inno nazionale italiano, durante il quale sul palcoscenico erano presenti, insieme al Coro areniano, pubblici ufficiali in alta uniforme in rappresentanza dei Corpi di Pubblica Sicurezza che hanno operato per soccorrere e sostenere le popolazioni. Una serata riuscita in pieno, dato che è stata la Prima con il maggior numero di spettatori.

Tutti pronti per la prossima stagione: Il Festival del Centenario
Da oggi 4 settembre saranno in vendita anche online i biglietti per il Festival del Centenario 2013, che celebra il primo secolo di Festival lirico all’Arena di Verona.
Dal 14 giugno all’8 settembre, 58 appuntamenti con 6 titoli d’Opera e 3 serate di Gala compongono la 91ma edizione del Festival lirico all’Arena di Verona, dedicato al grande compositore Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della nascita. Per questo eccezionale avvenimento il Festival del Centenario 2013 vedrà il celebre Plácido Domingo in qualità di Direttore Artistico Onorario, oltre che direttore d’orchestra ed interprete sul palcoscenico più grande del mondo.
Inaugura il Festival il nuovo allestimento della celeberrima Aida, per l’attesissima regia della Fura dels Baus. Aida, titolo areniano per eccellenza, verrà riproposta dal 10 agosto anche nella Rievocazione del 1913 a cura di Gianfranco de Bosio. Dal 15 giugno in scena il dramma di Nabucco, accanto alla trilogia popolare verdiana composta da La Traviata (dal 22 giugno), Il Trovatore (dal 6 luglio) e Rigoletto (dal 9 agosto). Ritorna in cartellone dal 31 agosto Roméo et Juliette, titolo stabile del repertorio areniano. Ancora Verdi con la Messa da Requiem il 13 luglio; al compositore di Busseto sarà ancora intitolato il Gala del 17 luglio con tre grandi direttori protagonisti sul podio: Andrea Battistoni, Riccardo Frizza e Omer Meir Wellber.
Nel 2013 ricorre anche il bicentenario della nascita del compositore tedesco Richard Wagner. A lui e a Verdi sarà dedicata la serata di Gala del 15 agosto, che vedrà il giovane e famoso Daniel Harding dirigere Plácido Domingo insieme ai più grandi interpreti wagneriani e verdiani.
Completa il programma il Gala del 20 agosto, dove il Maestro Domingo dirigerà i famosi interpreti vincitori delle ultime edizioni del concorso Operalia.

La Redazione