Primo incontro questa mattina a Velo Veronese organizzato dall’Associazione Temporanea di Scopo Alti Pascoli della Lessinia per incontrare gli allevatori, gli agricoltori e i titolari di aziende agricole del territorio. L’obiettivo è quello di rendere consapevoli i principali attori della Lessinia del Patrimonio di cui sono custodi, da generazioni, e di esaltarne le caratteristiche culturali, storiche e tradizionali.

L’associazione, nata formalmente lo scorso 8 maggio e di cui sono firmatari due associazioni di tutela territoriale, sei comuni della Lessinia e due società agricole private, ha lo scopo di produrre un dossier scientifico, richiesto dal Ministero dell’Ambiente, per poter perfezionare e formalizzare l’iscrizione degli Alti Pascoli nel Registro Nazionale dei Paesaggi rurali di interesse storico.

L’incontro di oggi ha visto protagonisti dopo i saluti di Daniele Massella, presidente dell’ATS e di Ermanno Anselmi, presidente del GAL Baldo Lessinia che ha co-finanziato parte del progetto diventandone poi parte attiva, esperti e studiosi del territorio: dall’architetto Chiara Zanoni ai dottori forestali Sebastiano Lucchi e Davide Pasut, passando dai medici veterinari Antonio Scungio e Marcello Volanti.

Sono loro alcuni dei professionisti che stanno lavorando per la produzione del dossier i cui dati, in sintesi, saranno resi noti in una serata pubblica il prossimo 30 novembre a Bosco Chiesanuova.

Presenti a Velo anche il direttore del GAL, Simona Rossotti, e il consigliere provinciale Stefano Marcolini. Domani si replica a Erbezzo, in Sala Ciclamino, a partire dalle ore 10.