Zardini sul caso Glaxo: “Sono pronto a sostenere la causa”

Il deputato veronese del Partito Democratico, Diego Zardini, risponde positivamente all’appello con cui il sindaco di Verona chiede una cabina di regia con tutti i parlamentari per affrontare la crisi della Glaxo. «Seguo la vicenda da quando ero presidente della commissione lavoro in Provincia di Verona – ha dichiarato Zardini – e ora da parlamentare metto a disposizione ogni esperienza e competenza per sostenere la causa».

Il caso della sede veronese dell’azienda farmaceutica britannica Glaxo, è arrivata anche sul tavolo del deputato scaligero del Partito Democratico Diego Zardini che ha risposto positivamente all’appello de sindaco, Federico Sboarina, per riunire i parlamentari e affrontare la crisi.

Al centro della questione il licenziamento di 250 dipendenti della sezione “Manufacturing” della ditta: «Seguo la vicenda da quando ero presidente della commissione lavoro in Provincia di Verona – afferma Zardini – Ora, da parlamentare, metto a disposizione ogni esperienza e competenza per sostenere la causa. Mantenere l’azienda a Verona è importante sotto il profilo occupazionale, sono 250 i lavoratori impiegati nello stabilimento. Ma è importante anche per mantenere il distretto del farmaco che ha influenza diretta sulle attività di ricerca, ha rapporti con l’università e un indotto rilevante».

«Il tipo di attività svolta è dunque di alta qualità e non è facile da sostituire. – continua Zardini – La proposta del sindaco di mettere insieme competenze, connessioni ed esperienze per salvaguardare questo patrimonio veronese presente in città fin dagli anni Trenta, mi sembra intelligente e farò di tutto perché vada a buon fine».