Zaia annuncia una nuova ordinanza, per regolare altre aperture

«Oggi presento un'ulteriore ordinanza, di riequilibrio per alcune aperture. Completamente in linea con le leggi nazionali» ha specificato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

Zaia

«Oggi presento un’ulteriore ordinanza, di riequilibrio per alcune aperture. Completamente in linea con le leggi nazionali» ha specificato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

«Ieri sera in conferenza dei presidenti delle regioni abbiamo fatto alcune modifiche alle linee guida, che saranno allegate all’ordinanza» ha annunciato. L’ordinanza arriverà a breve, forse già in serata.

I settori interessati da lunedì 25 maggio

Le nuove linee guida riguardano noleggio di auto e altri mezzi, gli informatori scientifici, le aree giochi per bambini. «Negli spazi di proprietà pubblica, diamo facoltà ai sindaci di fissare le date di riapertura da lunedì».

Centri di aggregazione di vario genere avranno inoltre la facoltà di riaprire (università del tempo libero, centri sociali, ecc), in sicurezza dalla settimana prossima. Attività di formazione professionale.

Parchi divertimento di ogni genere, dagli acquatici agli zoologici: «da lunedì ci sono le linee guida per mettere in condizione gli operatori di riaprire e di avere una base di certezza giuridica» ha spiegato Zaia.

«Mettiamo in moto i motori al minimo, ma diamo le condizioni per far ripartire il mondo del turismo» ha aggiunto. Via libera anche ai buffet nei ristoranti e alberghi, purché con servizio.

Settori che ripartiranno più avanti

Dal primo giugno potranno ripartire le attività per bambini, centri e servizi per l’infanzia. Per quanto riguarda la fascia 0-3 anni si attende la validazione a livello nazionale.

Dal primo giugno Zaia spera poi di attivare anche centri benessere, terme, cinema e teatri, ma questo sarà oggetto di un’altra ordinanza nel corso della prossima settimana. Discoteche, sagre e fiere saranno invece oggetto di valutazioni successive.

I dati sul contagio in Veneto

  • 10mila e 607 tamponi effettuati ieri
  • meno di 3mila persone attualmente in isolamento
  • ricoverate 534 persone, di cui 205 positive
  • in terapia intensiva 40 persone, di cui 14 positive

La polemica Crisanti-Russo

Spazio per alcuni minuti anche a polemiche e parziali chiarimenti sulle incomprensioni fra l’esperto dell’Università di Padova Andrea Crisanti e la direttrice Prevenzione, sicurezza alimentare, veterinaria della Regione Veneto Francesca Russo.