Voragine in Corso Porta Nuova: incidente annunciato

La sabbia e l’acqua avrebbero fatto cedere l’asfalto di Corso Porta Nuova, ma il Comune aveva informato Acque Veronesi e Agsm del pericolo già una settimana fa.

Sarebbe stato un incidente “annunciato” quello che è capitato questa mattina alle 7.40 in Corso Porta Nuova, quando il manto stradale ha ceduto creando una voragine che ha poi inghiottito una Renault in transito. Il buco si è creato a causa di infiltrazioni di acqua piovana e sabbia nel volto fognario, un’anomalia che, secondo il Comune, era già stata segnalata ad Agsm e Acque Veronesi il 2 febbraio.

La struttura sotterranea, che ha ceduto stamattina, risale a più di 20 anni fa e nel corso del tempo sono stati molti gli interventi di posa dei sottoservizi e della soletta sotto al piano stradale. Tuttavia l’avvallamento creatosi negli scorsi giorni aveva allarmato il Comune spingendolo a comunicare il problema alle due società veronesi. L’assessore alle Strade parla di telefonate e mail, nelle quali veniva segnalato il pericolo, terminate poi con le rassicurazioni di Acque Veronesi poiché si sarebbe trattato di un problema ad un chiusino dell’energia elettrica.

Fortunatamente il conducente alla guida del veicolo caduto stamattina nella voragine è rimasto illeso. Al momento non sembra ci siano altri cedimenti e problemi alla rete fognaria, ma la strada dovrà rimanere chiusa per qualche giorno per consentire ai tecnici di Acque Veronesi di ripristinare la situazione. L’assessore si è anche detto deluso dallo “sciacallaggio politico” partito sui social da parte dei consiglieri Tosi e Bozza che hanno incolpato l’amministrazione dell’incidente, quando, invece, il Comune ha investito 1 milione e 700 mila euro per la manutenzione stradale di tutte le circoscrizioni.