Villafontana, al via il cantiere per la realizzazione della nuova scuola primaria

Un'opera di grande importanza condivisa da tre Comuni finanziata con quasi tre milioni di euro. Sindaci e amministratori erano presenti alla cerimonia per la posa della prima pietra con una delegazione scolastica.

Con la posa simbolica della prima pietra, sono partiti i lavori per la costruzione della nuova scuola primaria di Villafontana. Ad inaugurare il cantiere sindaci e amministratori dei Comuni di Oppeano, Bovolone e Isola della Scala, che insieme hanno realizzato il progetto e una delegazione scolastica.

La nuova scuola sarà realizzata su un unico piano, senza gradini, quindi senza barriere architettoniche, e sarà dotata di impianto fotovoltaico sul tetto, che produrrà energia elettrica pulita a disposizione dell’edificio. Le aule si affacceranno sul giardino esterno, dove gli alunni potranno trascorrere l’intervallo, e il corridoio centrale sarà illuminato a giorno da un lucernario. L’edificio sarà dotato di mensa, centrale termica, sala insegnanti e infermeria.

I tre Comuni tra i quali è ripartita la frazione di Villafontana, cioè Oppeano, Bovolone e Isola della Scala, hanno presentato istanza di contributo in Regione Veneto, ottenendo quasi 3 milioni di euro che coprono l’intera somma della scuola. La nuova scuola primaria sorgerà su un terreno di proprietà del Comune di Bovolone, vicino al CSS La Fontana, con ingresso da via Conti Noris. Questa è la terza opera condivisa che le Amministrazioni comunali di Oppeano, Bovolone e Isola della Scala realizzano in pochi anni: le altre sono la nuova rotatoria di via Villafontana e il nuovo ponte sul fiume Menago, recentemente aperto al traffico.

Le dichiarazioni delle autorità presenti

«Oggi è un giorno da ricordare per Villafontana. – ha sottolineato Alessandro Montagnoli, consigliere comunale di Oppeano – Ringraziamo i sindaci di Oppeano Pierluigi Giaretta, di Bovolone Emilietto Mirandola e di Isola della della Scala Stefano Canazza del quale oggi fa le veci l’assessore alle politiche sociali Liliana Bazzani. Un ringraziamento anche agli altri amministratori comunali, ai tecnici e alla delegazione di studenti e insegnanti della scuola presenti. La posa della prima pietra della nuova scuola è il risultato di un ottimo lavoro di squadra delle tre Amministrazioni comunali. I Comuni hanno presentato nei termini e nei modi corretti il progetto al fine di ottenere il finanziamento regionale. Siamo molto soddisfatti di questo intervento, finalmente Villafontana avrà la sua scuola». 

«Siamo davvero contenti di dare inizio a quest’opera – ha sottolineato Liliana Bazzani – fondamentale per il futuro dei nostri bambini e a cui teniamo molto. C’è stata grande collaborazione tra i Comuni ed è proprio questa sinergia che ci consente di realizzare la nuova scuola».

«L’inizio del cantiere è la concretizzazione di un progetto che abbiamo fortemente voluto – ha ricordato il sindaco di Bovolone Emilietto Mirandola – frutto di un lavoro congiunto tra i nostri Comuni iniziato alcuni fa. Quando siamo stati costretti a chiudere la vecchia scuola per problemi di sicurezza, dopo un iniziale momento di preoccupazione, ci siamo subito attivati per trovare una risposta ai bisogni del territorio. Abbiamo dimostrato che quando dagli amministratori lavorano con buon senso per il bene della comunità si ottengono risultati».

«Saputo delle problematiche della precedente scuola primaria della frazione – conclude il sindaco di Oppeano, Pierluigi Giaretta – noi sindaci ci siamo attivati immediatamente per dare seguito all’attività scolastica. Un grazie al parroco di Villafontana, don Silvio Zonin, che ci ha fornito le aule presso la parrocchia. Le amministrazioni hanno realizzato una nuova aula per adeguare gli spazi alle esigenze degli alunni che presto potranno comunque usufruire di questa nuova scuola».  

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM