Verona: spacca i vetri di 15 auto per rubare spiccioli, 17enne arrestato

Lo scorso dicembre il 17enne aveva rotto i vetri di numerose auto in Corte Pancaldo a Verona per rubare pochi spiccioli: individuato e arrestato dalla Polizia di Stato.

Polizia di Stato - Squadra mobile

Un diciassettenne è stato individuato e arrestato dalla Polizia di Stato in quanto ritenuto responsabile del danneggiamento di ben 15 auto e una moto in sosta nei garage di Corte Pancaldo a Verona. L’obiettivo, rubare pochi spiccioli e oggetti di scarso valore. I fatti risalgono alla notte tra l’8 e il 9 dicembre 2021.

Il giovane è stato trasferito nel carcere minorile di Treviso in attesa del proseguimento dell’iter giudiziario.

L’arresto e le indagini

Nel pomeriggio dello scorso martedì 15 febbraio 2022 gli agenti della sezione “reati contro il patrimonio” della Squadra Mobile di Verona hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 14 febbraio 2022 dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni di Venezia nei confronti di un diciassettenne, senza fissa dimora, pregiudicato per reati specifici e già sottoposto alla misura cautelare del collocamento in comunità, ritenuto responsabile dei reati di furto aggravato e di tentato furto a bordo di autoveicoli avvenuti nella notte tra l’8 e il 9 dicembre 2021 a Verona.

Il giovane infatti aveva preso di mira le auto parcheggiate nell’autorimessa del condominio “Corte Pancaldo”, infrangendo i vetri di ben 15 autovetture, sottraendo, da alcune di esse, delle monete e una torcia, e danneggiando anche il bloccasterzo di un motociclo.

L’attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile e gli accertamenti tecnici effettuati in sede di sopralluogo dal personale del locale Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, intervenuto sul posto, hanno permesso di individuare il giovane indagato accertando che tutti gli episodi denunciati siano statti da lui commessi, anche per le modalità con cui sono stati danneggiati i vetri delle auto risultate essere le stesse su tutti i veicoli, al fine di rovistare al loro interno alla ricerca di beni da rubare.

Per questo, a seguito delle formalità di rito, il giovane è stato condotto nel carcere minorile di Treviso, a disposizione dell’autorità giudiziaria competente. Si precisa che il procedimento penale a carico del succitato indagato non risulta concluso e che la sua colpevolezza dovrà essere accertata con sentenza irrevocabile.

LEGGI ANCHE: Marmolada, stop al turismo dell’orrore

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv