Verona: ladro scoperto in casa, spaventa la 72enne con un coltello

Sabato notte un 24enne si è introdotto in via Camuzzoni nell’abitazione di una donna. Una volta scoperto le ha puntato addosso un coltello, prima di tentare la fuga. Preso dalla Polizia.

Volanti Polizia di Stato - Festa - Sanzioni Covid domiciliari bar
Foto d'archivio.

Intorno alla mezzanotte e mezza di sabato, gli agenti della Centrale Operativa della Questura di Verona hanno raccolto una segnalazione di furto in corso dalla zona del quartiere Stadio. A dare l’allarme è stato un uomo, contattato telefonicamente dalla cugina di 72 anni che, in stato di comprensibile apprensione, diceva di sentir provenire dalla cucina forti rumori.

La donna, contattata immediatamente dagli agenti, con tono di voce terrorizzato raccontava che, mentre si trovava nella camera da letto sita al primo piano della sua abitazione, aveva sentito nella stanza accanto del trambusto, presumibilmente derivante dalla forzatura della portafinestra. Spaventata all’idea che qualcuno si fosse introdotto in casa, la signora si era recata al piano terra e aveva chiesto al cugino di chiamare la Polizia.

LEGGI ANCHE: Ztl allo Stadio, a Verona si parte con il piano definitivo

Proprio in quel frangente, un uomo con un berretto di lana di colore nero e vestito di scuro le si era avvicinato, puntandole addosso un coltello da cucina.

Le grida di aiuto della 72enne sono riuscite a spaventare il malintenzionato che è stato individuato dagli agenti delle Volanti mentre si trovava ancora sul balcone al primo piano. L’uomo, dopo essersi sbarazzato del coltello, ha tentato di fuggire scavalcando il terrazzo, gettandosi nel cortile sottostante da un’altezza di tre metri e riversandosi di corsa fuori dall’abitazione, dove i poliziotti, nonostante la sua resistenza, gli hanno sbarrato la strada.

LEGGI ANCHE: Passaporto in provincia di Verona: si può fare anche in 7 uffici postali

I rilievi effettuati nei minuti immediatamente successivi all’interno dell’abitazione della vittima hanno consentito di accertare che il 24enne – originario del Marocco, pluripregiudicato, inottemperante all’Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale – si era introdotto nella casa di via G. Camuzzoni danneggiando la tapparella e forzando la maniglia della portafinestra che dava sul poggiolo; nulla è risultato essere stato asportato dai cassetti e dalle credenze rovistate.

In considerazione di quanto emerso, all’uomo sono stati contestati i reati di tentato furto aggravato, di resistenza a Pubblico Ufficiale e di porto di armi od oggetti atti ad offendere. Dopo aver atteso la celebrazione del rito direttissimo presso le camere di sicurezza della Questura, l’uomo è stato condotto davanti al giudice che ha convalidato l’arresto.

LEGGI ANCHE: Sr450 Peschiera-Affi vietata ai camion per tutta l’estate