Verona da oggi è una “Città dei motori”

La giunta guidata da Federico Sboarina ha deliberato l'adesione alla Rete Anci dei Comuni italiani a vocazione motoristica condividendo gli obiettivi del Piano nazionale del turismo motoristico, elaborato da Città dei Motori.

Verona entra nella squadra di “Città dei Motori”, la rete Anci dei Comuni italiani a vocazione motoristica, che con l’ingresso della città scaligera giunge a 32 soci in rappresentanza di 14 regioni e di oltre 2 milioni di abitanti. La giunta guidata da Federico Sboarina ha deliberato l’adesione alla Rete condividendo gli obiettivi del Piano nazionale del turismo motoristico, elaborato da Città dei Motori, per la ripresa dei flussi turistici nazionali e internazionali verso le eccellenze dei territori e del Made in Italy, a cominciare dal settore trainante dei motori.

La presentazione ufficiale dell’adesione del Comune di Verona all’Associazione Città dei Motori è avvenuta questa mattina all’interno di MotorBike Expo, nello stand della Regione Veneto situato al padiglione 4. Oltre al sindaco Federico Sboarina erano presenti il Governatore Luca Zaia, l’assessore regionale al Turismo Federico Caner, il sindaco di Villafranca Roberto Dall’Oca e la presidente del Museo Nicolis dell’Auto, della Tecnica e della Meccanica di Villafranca Silvia Nicolis.

Leggi anche: Inaugurata l’edizione 2021 di Motor Bike Expo

«Verona, capitale dello sport, con questa adesione conferma la sua centralità anche nel settore dei motori, un ambito da sempre molto amato dai veronesi – spiega il sindaco Federico Sboarina. – La nostra città ogni anno ospita tantissime manifestazioni e registra numerose realtà di associazionismo e collezionismo; eccellenze che, grazie a questa sinergia, potranno crescere e fare sistema, diventando un canale importante per promuovere le bellezze del nostro territorio in Italia e nel mondo. Siamo orgogliosi quindi di entrare a far parte di questa squadra».

«Accogliamo con piacere nella nostra associazione una città come Verona – è il messaggio di benvenuto del sindaco di Maranello e presidente di Città dei Motori Luigi Zironi – che oltre ad essere teatro di eventi motoristici come il Motor Bike Expo, la fiera più grande al mondo dedicata alla moto personalizzata, può anche vantare una solida tradizione nell’accoglienza dei turisti, sia italiani che stranieri. Verona darà un contributo di qualità ed esperienza al percorso di valorizzazione del Made in Italy motoristico sviluppato da Città dei Motori, che in vista della ripartenza turistica ha intenzione di cambiare marcia con le proprie eccellenze e di attirare milioni di appassionati sui territori che fanno parte della Rete».

L’assessore regionale al Turismo Federico Caner ha ricordato lo sviluppo del turismo ciclopedonale, per il quale «in Veneto stiamo sviluppando 1200 piste ciclopedonali importanti, anche in virtù della presenza sul territorio di moltissimi percorsi naturali interessanti. Ringrazio il sindaco Sboarina e l’assessore Toffali perchè Regione e Comune di Verona stanno portando avanti progetti molto interessanti anche sul fronte dell’inclusività. E’ un settore a cui stiamo dando grande attenzione perché ci porta a diversificare l’offerta veneta creando molti prodotti turistici. Perché, come dice il nostro Governatore, il Veneto è fatto di tante destinazioni turistiche ma anche di tanti prodotti turistici. E anche il mondo della disabilità, che a livello europeo conta 36 milioni di persone, vuole godersi le nostre città con proposte fatte su misura per loro. Un tema quindi molto importante per il quale ci saranno presto delle novità sia da parte della Regione che da parte del Comune di Verona».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM