Verona, sospesa per due settimane la licenza al bar 12OZ

La Questura di Verona ha decretato che il bar 12OZ, nel piazzale della Stazione Porta Nuova, fosse ritrovo di persone pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica: sospesa dunque per 15 giorni la licenza del locale e vietato l’accesso ai pubblici esercizi siti in Piazzale XXV Aprile a cinque avventori.

Bar 12OZ Verona stazione Porta Nuova Polizia
New call-to-action

Era emerso lunedì mattina in sede di tavolo tecnico – convocato dal Questore – come, in pochi giorni, nel mirino della Polizia di Stato sarebbe caduta la zona di Piazzale XXV Aprile, dove, durante il weekend scorso, continui e tempestivi erano stati gli interventi delle Volanti a fronte di ripetute segnalazioni di risse tra gruppi di uomini.

Così, sulla scia delle direttive impartite in sede di riunione tecnico-organizzativa a fronte delle valutazioni del rischio del territorio prospettate, il 25 aprile i poliziotti delle Volanti hanno espletato un controllo d’iniziativa presso il bar 12OZ, dove, nei giorni precedenti, erano stati chiamati a intervenire per sedare numerose liti scoppiate tra gli avventori.

LEGGI ANCHE: Ca’ del Bue: il Comune di Verona chiede approfondimenti ad Agsm Aim

I controlli intensivi del 25 aprile

In particolare, proprio nel pomeriggio della giornata della Liberazione, gli agenti delle Volanti avevano accertato la presenza di undici avventori con precedenti di polizia in materia di stupefacenti, reati contro il patrimonio e immigrazione clandestina e, in particolare, avevano constatato che cinque di essi erano privi di qualsiasi documento atto all’identificazione e due anche inottemperanti alla misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Verona.

Solo il giorno prima, inoltre, nel corso di un servizio di controllo straordinario del territorio, era stata segnalata in Piazzale XXV Aprile, nei pressi dell’esercizio commerciale in questione, una lite violenta tra più persone che, datesi alla fuga alla vista degli agenti delle Volanti, erano state prontamente bloccate dagli stessi e sottoposte a perquisizione personale, all’esito della quale erano stati rinvenuti un bastone metallico, un coltello a serramanico e due bombolette allo spray al peperoncino. Per tali fatti, quindi, erano state denunciate per i reati di rissa e porto d’armi od oggetti atti a offendere.

Ancora, a seguito degli accertamenti successivi condotti dai poliziotti, uno dei predetti soggetti era stato identificato come autore di un’aggressione, avvenuta poco prima, ai danni di un ragazzo con l’utilizzo di un’arma bianca: lo stesso, pertanto, era stato immediatamente accompagnato in Questura e denunciato per il reato di lesioni personali aggravate.

Alla luce di quanto sopra, a seguito degli accertamenti esperiti e valutata la pericolosità sociale dei soggetti in questione – risultati tutti gravati da precedenti di polizia per i reati di invasione di terreni od edifici, violazione di domicilio, stupefacenti, furto aggravato e violazione delle norme sul soggiorno – la Questura di Verona, tramite la Divisione Anticrimine, ha emesso nei loro confronti il provvedimento di divieto di accesso ai pubblici esercizi siti in Piazzale XXV Aprile e nelle immediate vicinanze, che, per la durata di diciotto mesi, impedirà altresì agli stessi di stazionare nelle zone limitrofe.

LEGGI ANCHE: Matteo Ridolfi, dopo Zaia accolto anche da Fontana alla Camera

Sospesa per due settimane la licenza del bar 12OZ

Ancora, i controlli successivi espletati dalla Questura di Verona – tramite i poliziotti della squadra di Polizia Amministrativa – hanno evidenziato come il bar 12OZ costituisca, di fatto, un concreto pericolo per l’ordine pubblico, la moralità e la sicurezza dei cittadini: ciò a causa dell’abituale presenza di persone gravate da precedenti penali e di polizia, in particolare con riferimento alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti e liti.

Nel pomeriggio di ieri, quindi, il personale della Polizia Amministrativa ha inoltre dato esecuzione al provvedimento del Questore di Verona di sospensione per quindici giorni dell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande al titolare dell’esercizio commerciale.

La misura, emessa in applicazione dell’art. 100 T.U.L.P.S., nasce da una ponderata valutazione condotta dall’Autorità di P.S. al fine di scongiurare l’agevolazione di condotte illecite e, di conseguenza, comportare un’attuale pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica dei cittadini e, in particolare, di quanti si recano o arrivano in stazione ferroviaria, coinvolgendo pertanto un notevole afflusso di persone e generando in loro un forte senso di insicurezza.

LEGGI LE ULTIME NEWS

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM