Verona, Amia e volontari liberano il Vallo Cangrande da 4 tonnellate di rifiuti

Grazie alla sinergia tra volontari e Amia, la zona demaniale a ridosso delle Mura è stata quasi del tutto liberata dai rifiuti accumulati da anni. Due tonnellate e mezzo oggi, un’altra e mezza un paio di settimane fa.

Amia - pulizia Vallo Cangrande
Pulizia Vallo Cangrande, Amia con associazioni
New call-to-action

Un sentiero stretto e impervio a ridosso delle Mura magistrali di Verona, in zona demaniale, nel Vallo Cangrande, interamente ricoperto da immondizia e rifiuti di vario genere tra oggetti anche molto datati, vecchi contenitori di plastica, tessili e brandelli di vestiti, carta. È questo ciò che questa mattina per la seconda volta si è presentato davanti ai volontari di Legambiente, Cittadinanzattiva e Comitato per il Verde all’opera per liberare l’area.

Le operazioni, iniziate alle 9, hanno visto la partecipazione di una quarantina di volontari e residenti della zona e la collaborazione di Amia, intervenuta con tre operatori, un mezzo compattatore e un furgone 4X4 grazie al quale è stato possibile raggiungere il punto di accumulo per stipare i sacchi di immondizia fatti dai volontari e portarli meccanicamente a valle.

LEGGI ANCHE: Carcere di Verona: aumenta la popolazione e il disagio psichico

A fine giornata, i chili di immondizia raccolta sono stati 2.604: oltre due tonnellate e mezzo cui si aggiunge la tonnellata e mezza raccolta durante la prima giornata di pulizia che si è svolta due settimane fa. Il lavoro ora è quasi del tutto compiuto. All’origine dell’accumulo abnorme di rifiuti che si protrae presumibilmente da oltre tre anni – e che in più episodi è stato anche dato in piccolissime porzioni alle fiamme – ci sarebbero una o più persone accumulatrici seriali di oggetti e rifiuti. Un fronte questo su cui sono allertati anche i Servizi Sociali.

«Tutto è partito grazie alla segnalazione di alcuni cittadini, che ringraziamo. Ci troviamo infatti in una zona demaniale e dunque non coperta dai servizi e dai controlli territoriali dell’Amia. È chiaro però che siamo volentieri a disposizione e in prima linea con i volontari e le associazioni per sanare quanto prima la situazione e restituire alla natura questa porzione di bosco urbano», riflette il presidente dell’Amia Roberto Bechis, al lavoro con Martina Redivo, consigliera CdA Amia, Chiara Martinelli presidente di Legambiente, volontari e operatori Amia.

L’anomalo accumulo di sacchi in un’area nascosta, piuttosto impervia e fuori i sentieri battuti, era stato oggetto di un sopralluogo il mese scorso al quale avevano partecipato, oltre all’ispettore di zona di Amia, il direttore Ennio Cozzolotto e il consigliere del CdA Francesco Premi. Uno step indispensabile, volto ad accertare che tra i rifiuti accumulati non ci fosse materiale pericoloso.

LEGGI ANCHE: Ca’ del Bue: il Comune di Verona chiede approfondimenti ad Agsm Aim

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM