Valeggio sul Mincio, Gardoni annuncia la ricandidatura a sindaco

Alessandro Gardoni ha confermato la propria disponibilità a correre nuovamente per la carica di sindaco. «Ho deciso di rimetterci la faccia perché in quattro anni e mezzo, nonostante due anni di pandemia, abbiamo fatto molto per Valeggio e i valeggiani», ha affermato.

Alessandro Gardoni, sindaco di Valeggio sul Mincio
Alessandro Gardoni

Alessandro Gardoni ha confermato la propria disponibilità a correre nuovamente per la carica di sindaco in vista delle elezioni amministrative del 9 giugno 2024.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Gardoni afferma: «Sono lusingato del sostegno di molti valeggiani anche in questa fase delicata per la nostra comunità, è la cartina di tornasole che indica l’ampio apprezzamento nei confronti della nostra amministrazione nonostante qualcuno, per ambizioni personali, abbia deciso di interrompere il percorso di crescita e sviluppo avviato per Valeggio».

«Ora inizia un nuovo corso – sottolinea Gardoni – non ci faremo condizionare dal livore e dalla smania di potere di alcuni e guarderemo indietro solo per riprendere le buone azioni iniziate e che intendiamo portare a termine nel prossimo futuro se saremo nuovamente meritevoli della fiducia degli elettori».

LEGGI ANCHE: Passaporto in provincia di Verona: si può fare anche in 7 uffici postali

«Ho deciso di rimetterci la faccia perché in quattro anni e mezzo, nonostante due anni di pandemia, abbiamo fatto molto per Valeggio e i valeggiani – dichiara Gardoni –. Dal sociale alle opere pubbliche fino all’accordo con la Procura di Catania per la concessione al Comune della villa sottratta alla mafia. La nostra amministrazione ha dato un messaggio chiaro di lotta alla criminalità, compiendo una scelta anche etica – aggiunge –. Spesso i comuni vengono commissariati quando esiste il reale pericolo che l’attività amministrativa sia piegata agli interessi dei clan mafiosi. Nel caso di Valeggio il commissariamento è avvenuto per le velleità politiche di qualcuno a spese dei cittadini».

«Noi siamo voluti partire subito, alla luce del sole – fa sapere Gardoni –. Chi mi ha spinto a candidarmi ha voluto mandare il proprio segnale inequivocabile, di partecipazione da parte dei cittadini, proprio con un comitato elettorale, che mi piacerebbe fosse più aggregativo possibile. Allargherò il più possibile la partecipazione al comitato elettorale – chiosa –. Le porte sono aperte a chi crede che la lealtà e la trasparenza siano ancora dei valori e vuole dare il proprio contributo per proiettare Valeggio nel futuro».