Urbano (Buona Destra): «Dall’on. Fontana un deprecabile “modus operandi”»

Massimiliano Urbano, coordinatore cittadino della Buona Destra, critica l'intervento del già ministro Lorenzo Fontana intervenuto nelle scorse ore su quanto sta accadendo in Afghanistan.

Non vanno proprio giù a Massimiliano Urbano, coordinatore della Buona Destra a Verona, le parole dell’onorevole della Lega Lorenzo Fontana che, due giorni fa, in veste di responsabile Esteri della Lega, ha lanciato un allarme sottolineando come ci sia per l’Europa una concreta minaccia di una prossima ondata di rifugiati afghani in fuga dal paese asiatico.

«Tutti abbiamo ancora negli occhi le strazianti immagini provenienti dall’Afghanistan in virtù del repentino ritiro delle forze armate statunitensi. Scene di gente disposta a tutto pur di scappare. Incredibili calche di disperati sulle scalette degli aerei in partenza, veri e propri suicidi di chi si lascia addirittura cadere da aerei in volo. – sottolinea Urbano – Ebbene a fronte di ciò, non ci è certo sfuggito il caritatevole intervento, del sempre devoto e pio On. Lorenzo Fontana che, dall’alto della sensibilità che lo contraddistingue, così autorevole esponente della peggior destra cittadina, per primo ha fatto sentire la sua voce, al solito pregna di “pietas cristiana” e correndo ai microfoni invece di spendere qualche parola di conforto e rassicurazione ha visto bene di agitare lo spauracchio della radicalizzazione musulmana dell’Europa, fomentando le paure altrui e speculando sull’ignoranza. E’ questo il solito deprecabile “modus operandi” che contraddistingue questa becera destra».

Ti potrebbe interessare anche: Traguardi: «Verona diventi città rifugio per gli afghani in fuga»

«In realtà l’unica radicalizzazione che l’Europa davvero deve temere e scongiurare è quella del populismo ipocrita e del sovranismo interessato. – conclude il coordinatore cittadino della Buona Destra – Noi siamo dell’avviso che nella circostanza l’Occidente non è stato certo migliore dei talebani. Che l’America questa guerra l’ha voluta per puro spirito vendicativo e l’ha sempre e solo intesa come una vendetta. Troppo complicato, difficile e faticoso costruire una nuova nazione. Più facile dire di combattere il terrorismo e fare gli sceriffi che non impegnarsi nella costruzione di una civiltà. Anche l’Europa ha le sue gravi colpe in un gioco d’imbarazzante sudditanza agli americani. Ora occorre in qualche modo recuperare. Sul momento l’idea potrebbe esser quella di attrezzare corridoi umanitari e poi pensare invece a qualcosa di più organico e articolato. L’importante è non girarsi nuovamente dall’altra parte

radio adige tv

👇 Ricevi il Daily! È gratis 👇

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP 👈
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM 👈