Un milione e mezzo per restaurare Palazzo Pompei

Il cantiere partirà nel 2025 per sistemare interni e facciata del palazzo cinquecentesco che ospita il museo di Storia Naturale.

New call-to-action

Buone notizie per Palazzo Pompei, che ospita il Museo Civico di Storia Naturale in Lungadige Porta Vittoria. Il Ministero della Cultura ha infatti destinato ulteriori 680 mila euro per l’intervento di consolidamento sismico e restauro delle facciate dell’edificio, opera per la quale è stato già siglato un accordo l’anno scorso per il quale sono state incrementate le risorse a disposizione, portandole a un totale di 1 milione e 500 mila euro

Può ora partire l’iter amministrativo con l’affidamento dell’incarico di progettazione, direzione lavori e attività tecniche necessarie a definire i lavori, che consentiranno non solo di  intervenire sulle facciate con opere conservative indispensabili , ma anche di verificare e garantire la riduzione  della vulnerabilità sismica dell’edificio rinascimentale, opera del celebre architetto Michele Sanmicheli.

La giunta ha approvato le integrazioni all’accordo  che mette a disposizione  la seconda tranche di fondi destinati all’opera, diventati quindi complessivamente un milione e mezzo di euro. Invariati gli altri termini, che prevedono che la Soprintendenza sarà l’ente finanziatore per conto del Ministero, mentre il Comune sarà stazione appaltante e Responsabile del Progetto, quindi si occuperà della progettazione e dell’esecuzione dei lavori veri e propri. L’ente locale contribuirà con 10 mila euro per le indagini propedeutiche alla progettazione dell’intervento. A cui poi seguirà la redazione e l’approvazione dei progetti di fattibilità tecnico ed economica ed esecutivo, della gestione dell’intera procedura di gara, della stipula dei contratti d’appalto e del collaudo tecnico-amministrativo delle opere. 

I lavori su Palazzo Pompei interesseranno le superfici lapidee della cinquecentesca facciata, andando così a salvaguardare il monumento storico ma anche la fruizione del Museo, il cui stato conservativo, da tempo interessato da esteso degrado,  comportato nei giorni scorsi il distaccamento di alcuni frammenti di intonaco anche dal prospetto di Palazzo Carlotti, l’edificio più recente annesso nel 1855 all’immobile sammicheliano. Gli ultimi lavori strutturali sul complesso monumentale risalgono a sessant’anni fa. Quanto ai tempi, il 2024 sarà dedicato all’iter progettuale, si conta di partire con il cantiere vero e proprio nel 2025.

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM