Ulss 9, Girardi: «Il Covid non ci dà tregua. Dobbiamo prevenire»

Pietro Girardi, direttore generale dell'Ulss9, alle 11 di questa mattina ha fatto il punto sulla situazione Covid a Verona. Sono 644 i positivi in più rispetto a ieri; domani, 16 dicembre, scadrà inoltre il bando per i Covid hotel.

Pietro Girardi direttore Ulss 9 Scaligera

«Vorrei iniziare con l’intervento del dottor Crimi su un progetto di telemedicina e poi riguardo a un altro finanziamento per le attività Covid, con la presentazione del professor Mazzucco».

Fondazione Cariverona ha accolto un importante Progetto di ricerca dell’Ulss9 intitolato “Servizi Riabilitativi Innovativi: nuovi processi di cambiamento verso l’indipendenza” e concernente le attività riabilitative del Dipartimento di Riabilitazione, diretto da Gaspare Crimi, per fornire attrezzature di altissimo livello e innovative per tele-riabilitazione effettuata con i pazienti più complessi in degenza all’Ospedale di Marzana.

Le attività possono essere effettuate anche a domicilio grazie a tablet forniti ai pazienti che li mettono in collegamento con l’operatore della riabilitazione coinvolto, fisiatra, fisioterapista o logopedista, proponendo in realtà virtuale scenari di vita quotidiana o specifici esercizi facilmente comprensibili e molto più motivanti rispetto alla consueta attività di palestra. Il direttore generale, Pietro Girardi, nel ringraziare il prof. Alessandro Mazzucco, presidente di Fondazione Cariverona, ne sottolinea la lungimiranza nel sostenere progetti come questo, che in epoca di Covid permettono attività da remoto oggi diventate indispensabili.

All’Ospedale di Marzana prende quindi forma un circuito virtuoso di riabilitazione del più alto livello tecnologico di diagnostica del cammino, di esercizi da effettuare in ospedale, ma ripetibili a domicilio, e di proposte riabilitative avanzate che si sposano con le attività del Dipartimento di Riabilitazione, peculiari e uniche, come l’ambulatorio per la valutazione e l’inoculo di tossina botulinica, il team avanzato per i disturbi neuropsicologici, l’ambulatorio SLA e il Centro Ausili Complessi. Il Bando di Fondazione offre anche servizi di partnership per borse di studio a informatici per unire i saperi fra sanitario e tecnologico e che saranno assegnate già dal 1 gennaio 2021.  

Il direttore Girardi ha poi continuato con il focus sulla situazione Covid. «Non ci lascia tregua, in nessun momento della giornata. Questa mattina ci siamo incontrati con l’unità di crisi per analizzare l’andamento epidemiologico. Ci sono degli assestamenti temporanei, abbiamo avuto nelle ultime 24 ore un aumento di 4posti letto nelle terapie intensive, mentre una riduzione di 22 posti letto nelle malattie infettive, ma questo non fotografa un trend. Quello che è certo è che i contagi sono ancora tanti: rispetto a ieri abbiamo avuto un incremento di 644 casi. I posti letto degli ospedali di comunità sono stati attivati tutti, ne manca qualcuno nella pianura, a Bovolone. Il 16 scade il bando per i Covid hotel, contatteremo direttamente gli albergatori che hanno dato la loro disponibilità per iniziare una trattativa privata».

«L’importante è riuscire a prevenire, perché quando si va in ospedale è tardi, perché inizia un iter complesso di cure. Per salvaguardare il nostro Natale dobbiamo migliorare i nostri comportamenti: in 5 giorni quel 644 che vediamo adesso si dimezza. In questi giorni dobbiamo essere ancora più attenti».

LEGGI ANCHE: Girardi: «Gli ospedali della provincia di Verona sono pieni»