Turismo e sinergie fra Verona e lago di Garda (ma non solo) – IL TEMA DEL GIORNO

Il tema del giorno di oggi è dedicato al turismo, in occasione di una puntata extra della Settimana Veronese della Finanza. Verona può crescere ancora dal punto di vista turistico? Oppure abbiamo raggiunto il massimo possibile? Cosa ne pensi?

Ponte di Ognissanti 2022 a Verona, affollamento alla casa di Giulietta
Ponte di Ognissanti 2022 a Verona, affollamento alla casa di Giulietta
New call-to-action

Il tema del giorno: turismo fra Verona e Garda

Il tema del giorno di giovedì 2 novembre di Daily Verona è dedicato al turismo, in occasione di una puntata extra della Settimana Veronese della Finanza. Verona può crescere ancora dal punto di vista turistico? Oppure abbiamo raggiunto il massimo possibile?

LEGGI ANCHE: Forte temporale a Verona: rimane alta l’attenzione per il maltempo

I dati sul turismo veronese

Secondo l’ultimo report della Camera di Commercio sul turismo veronese “Le destinazioni turistiche e i marchi d’area veronesi. Analisi dei flussi turistici nel 2022“, per la provincia di Verona i dati indicano il superamento della crisi del comparto dovuta alla pandemia: con oltre 17 milioni di giornate di presenza (di cui 13 milioni riferite ai turisti stranieri), si registra una crescita del 32,8% sul 2021, mentre il calo rispetto al 2019 si ferma al -4,9% (886mila presenze in meno).

«I numeri che portano il nostro territorio ai primi posti a livello nazionale sono in gran parte dovuti agli imponenti flussi turistici che coinvolgono le due destinazioni scaligere: il lago di Garda, con il 78,6% delle presenze rilevate nel 2022, e la Città di Verona, con 2,4 milioni di presenze, pari ad una quota del 14,1%» si legge nella presentazione del report, firmata dal presidente della Camera di Commercio di Verona Giuseppe Riello.

«Il compito che ci attende ora è quello di mettere a sistema, tramite la Destination Verona & Garda (DVG) Foundation, queste due Destinazioni e i quattro Marchi d’Area (Soave-est veronese, Lessinia, Valpolicella e Pianura dei Dogi). Promozione di tutto il sistema turistico veronese, con la condivisione di obiettivi e progettualità, e creazione di un sistema integrato di accoglienza, informazione e commercializzazione sono solo alcuni dei tanti obiettivi su cui la Fondazione si sta impegnando, per consolidare e superare i risultati raggiunti».

LEGGI ANCHE: Pusher in monopattino tenta la fuga: aveva quasi mezzo etto di hashish

Mappa destinazioni e marchi d'area veronesi - turismo - destination verona garda foundation
Mappa destinazioni e marchi d’area veronesi

L’analisi delle presenze mette in luce, rispetto al periodo pre‐Covid, una flessione più marcata per quanto riguarda gli stranieri (‐5,3%), mentre per gli italiani il calo è del ‐3,6%. La ripresa sul 2021 è a due cifre per i turisti provenienti dall’estero (+43,7%), è pari a +7,1% per il turismo domestico.

La quota di turisti stranieri sul totale delle presenze nella provincia di Verona è pari al 76,0%. La Germania, con una quota di quasi il 50% sul totale delle presenze straniere, rimane anche nel 2022 il primo paese di provenienza. Per i turisti tedeschi si registra un aumento non solo rispetto al 2021, ma anche in relazione al 2019. Sono stati superati i livelli pre‐pandemici anche per i turisti provenienti dai Paesi Bassi, dall’Austria, dalla Danimarca e dal Belgio.

Il 61% delle presenze turistiche del 2022 riguarda gli esercizi complementari (o extra‐alberghieri): campeggi e villaggi turistici, agriturismi, alloggi privati (alloggi turistici, unità abitative ammobiliate a uso turistico, locazioni) e altri esercizi (ostelli, bed and breakfast, casa per ferie). Per i turisti stranieri, il dato sale al 64,7%.

Il 39% delle presenze fa riferimento agli esercizi alberghieri: la quota più elevata riguarda gli alberghi 4 e 5 stelle (16,6%), seguono gli alberghi 3 stelle e le residenze turistico‐alberghiere (14,8%) e, a distanza, dagli alberghi 1 e 2 stelle (4,0%).

LEGGI ANCHE: Ragazze rapinate dopo il concerto in Arena, arrestato 29enne

Riello: «A Verona fattori vincenti per il turismo»

Il presidente della Camera di Commercio di Verona, Giuseppe Riello, è intervenuto durante la 19esima Settimana Veronese della Finanza per fare il punto sullo stato di salute delle aziende scaligere e la finanza locale.

«Verona è fortunata di per sé perché logisticamente e da un punto di vista climatico annovera dei fattori vincenti per il turismo. La Verona&Garda Foundation ha lo scopo di unire i comuni del lago e della provincia per promuovere il territorio in maniera univoca. Oggi ci presentiamo compatti, e questo è una grande novità per l’Italia, e mi aspetto risultati ottimi da questo punto di vista, come del resto dimostrano già i primi dati rilevati» ha dichiarato Riello.

Giuseppe Riello
Giuseppe Riello

Destination Verona Garda Foundation: presentato il piano di comunicazione 2024

La Camera di Commercio di Verona, in data 17 marzo 2022, ha costituito la fondazione di partecipazione “Destination Verona & Garda Foundation“, in sigla “DVG Foundation”.

La Fondazione si propone di promuovere lo sviluppo del turismo nell’ambito della provincia di Verona e di valorizzare l’immagine delle 2 destinazioni “Lago di Garda“, “Città di Verona“, e dei 4 marchi di area della provincia scaligera “Lessinia“, “Pianura dei Dogi“, “Soave-Est Veronese“, “Valpolicella“, anche in relazione alle progettualità specifiche dei singoli territori.

È stato presentato negli scorsi giorni a Peschiera del Garda e a Verona l’insieme delle azioni di promozione e comunicazione che la Fondazione introdurrà nell’esecuzione progettuale del già illustrato e condiviso Piano Strategico 2023-2026 dello scorso aprile.

‘My special needs’ è il claim scelto per la filosofia di posizionamento – non solo in tema di accessibilità e inclusione, tracce che porteranno il territorio verso la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi e l’apertura delle Paralimpiadi del 2026 – in modo che la destinazione si dimostri pronta ad accogliere e soddisfare i bisogni speciali alla base della scelta di ogni viaggio: dagli interessi (special interest) degli appassionati dioutdoor, sport, bike, cibo, UNESCO, ai bisogni (‘special needs’)quali la ricerca di una meta dove trovare offerte di mobilità dolce, sostenibilità, inclusione. Un territorio che di speciale offre anche occasioni imperdibili (‘special offer’): short break a tema, offerte speciali minimum stay oppure occasioni speciali (‘special moment’) come matrimoni, momenti unici della vita, giornate da regalarsi.

‘My special needs’ detta anche le linee guida dello stile unitario della comunicazione strategica tesa a promuovere a livello nazionale e internazionale le peculiarità e il valore di tutte e ciascuna delle unicità territoriali, per aumentarne le presenze lavorando in maniera differenziata ma sempre con l’unico obiettivo di dare visibilità e notorietà al territorio nella sua interezza.

Molteplici le aree di intervento previste dall’articolato piano strategico di comunicazione a partire dalla promozione, che ha l’obiettivo preciso di dare nuovo posizionamento ad alcuni prodotti turistici, a diversificare enogastronomia, parchi, musei, cultura, e a valorizzare chi lavora su specifiche tematiche dal biologico al pet friendly.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Paolo Artelio, Presidente di DVG Foundation su questo è molto chiaro: «Nostro preciso obiettivo è quello di promuovere a livello nazionale e internazionale le peculiarità e il valore di tutte le unicità territoriali, sfruttando in particolar modo le potenzialità strategiche della comunicazione, attraverso uno stile e un linguaggio unitari che possano far percepire il territorio su cui stiamo agendo in modo armonico, organizzato e completo. In un mercato globalizzato e ipercompetitivo come quello turistico, il mantenimento di successo e visibilità non è scontato e le realtà che si muovono da sole sono destinate a sopperire. Per questo è fondamentale il ruolo di DVGF, volto a costruire una cornice unitaria, organizzata e competitiva attorno alla ricchezza culturale, storica, eno-gastronomica e naturalistica dei territori che la costituiscono», ha sottolineato Artelio.

Area di intervento cruciale inclusa nel piano è, quindi, la comunicazione: l’obiettivo èrafforzare la percezione di un’area in cui cultura, siti UNESCO, montagna e lago si mescolano all’interno di un territorio compatto e circoscritto. Il piano illustrato dal direttore generale di DVGF, Luca Caputo, propone un racconto coerente, attraente e desiderabile delle bellezze del territorio, progettato in modo unitario e poi dispiegato in modo differenziato sui diversi mezzi secondo le loro caratteristiche, veicolato indistintamente sui canali off- e on-line, dall’ufficio stampa alle campagne di advertising. Un insieme di attività che permetterà DVGF di rafforzare la promozione su canali nazionali e internazionali (mercati DACH).

Tutti i progetti e le attività della Fondazione sono già disponibili al sito www.destinationveronagarda.it che ha visto ieri il suo debutto on line proprio in chiusura della conferenza. Il sito nasce quale strumento di informazione su tutte le attività della DVGF, sulle novità e i prodotti del territorio e ha una specifica area dedicata espressamente agli operatori del sistema turistico veronese.


Rispondi al sondaggio


Il tema del giorno su Radio Adige Tv a “Squadra che vince”

Questa sera alle 18 e in replica 21 su Radio Adige Tv appuntamento con il tema del giorno anche a “Squadra che vince“, il programma condotto dal direttore del Gruppo Verona Network Matteo Scolari.

Dove vedere Radio Adige Tv

  • In streaming su www.radioadige.tv,
  • su Radio Adige Play (HBBTV, canale 19 del DTT),
  • tramite APP Radio Adige (gratis per Android e iOs).