Truffa dello specchietto ai danni di due anziani tedeschi, beccato un 22enne

I Carabinieri hanno intercettato un giovane lungo la strada regionale 450 a Cavaion. Si era fatto dare 250 euro da una coppia di anziani turisti tedeschi con la classica “truffa dello specchietto”.

Carabinieri truffa specchietto

Sabato 22 aprile, i Carabinieri di Caprino Veronese hanno arrestato un ragazzo di 22 anni, con precedenti specifici, sorpreso mentre stava perpetrando la cosiddetta truffa dello specchiettoin danno di una coppia di anziani turisti tedeschi.

I Carabinieri di Caprino, che hanno intensificato la presenza sul territorio ed i controlli alla circolazione stradale in occasione del ponte del 25 aprile, stavano pattugliando la strada regionale 450 che da Peschiera del Garda conduce ad Affi, quando lungo una piazzola di sosta nel tratto che attraversa il comune di Cavaion Veronese hanno notato fermi a bordo strada, in direzione del lago di Garda, una Volkswagen Golf con targa italiana e una monovolume con targa tedesca che trainava una roulotte e i due conducenti che parlavano fra loro all’esterno dei veicoli.

LEGGI ANCHE: Ambulanza travolta da un’auto in Transpolesana, sei feriti

I militari, che stavano procedendo nell’opposto senso di marcia, addestrati a riconoscere i mezzi e le tecniche utilizzate dai truffatori, hanno intuito qualcosa di sospetto e hanno velocemente guadagnato il primo cavalcavia ove poter invertire la marcia. Il colpo d’occhio dei militari della Aliquota Radiomobile si è rivelato corretto quando hanno raggiunto la piazzola di sosta, dove hanno potuto assistere direttamente alla consegna da parte dell’anziano conducente del veicolo tedesco, tremante e in evidente stato di confusione, di alcune banconote al ragazzo italiano.

Immediatamente fermato, quest’ultimo è stato trovato in possesso dei 150 euro che aveva appena ricevuto dalla controparte, la quale ha spiegato agli operanti di averglieli dovuti dare dopo essere stato inseguito e costretto a fermarsi. Il conducente della Golf accusava infatti l’anziano turista tedesco di avergli danneggiato lo specchietto con la roulotte, mostrandogli il danno prodotto e il relativo segno lasciato sulla carrozzeria del rimorchio.

LEGGI ANCHE: Stati Generali della Lessinia: servizi e politiche sociali per contrastare il calo demografico

Ai militari non c’è voluto molto per smontare la ricostruzione del giovane poiché hanno rinvenuto, all’interno del mezzo, una comune scatola di gessetti di vari colori, usati normalmente nelle scuole, fra i quali quello utilizzato per “rigare” la roulotte. Inoltre, lo specchietto della Golf presentava dei graffi, chiaramente artefatti e datati, non compatibili con una recente collisione.

Infine, già nascosta all’interno del libretto di circolazione, i Carabinieri hanno rinvenuto una ulteriore banconota da 100 euro che il tedesco aveva consegnato al truffatore poco prima, ma che non era stata sufficiente, secondo quest’ultimo, a ripagare il danno simulatamente arrecato e costringendo così il turista a tornare al mezzo per farsi dare dalla moglie, che lo attendeva a bordo, altro denaro contante.

Questa perdita di tempo è risultata fatale per il giovane poiché ha consentito ai militari di intervenire nella piena flagranza del reato e arrestarlo. In particolare, i Carabinieri hanno ipotizzato il reato di truffa aggravata dall’aver approfittato di circostanze legate all’età della vittima, tali da ostacolare la pubblica o privata difesa. Inoltre, hanno proceduto al sequestro cautelare del mezzo ai fini della successiva confisca amministrativa, sfruttando una norma del codice della strada che la consente per tutti i veicoli utilizzati per la commissione di reati.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato

Dell’arresto ne è stata data comunicazione al PM di turno presso la Procura della Repubblica di Verona, Dott.ssa Maria Beatrice Zanotti, che ha disposto di trattenere in camera di sicurezza l’arrestato e trasferirlo, nella mattinata di oggi, al Tribunale di Verona per presenziare all’udienza con rito direttissimo.

All’esito della direttissima, il Giudice, Dott. Pasquale Laganà, ha convalidato l’arresto e ha applicato la misura cautelare del divieto nella Regione Veneto a carico dell’imputato.

La truffa dello specchietto

Il tipico modus operandi di questo tipo di truffatori è quello di utilizzare veicoli con specchietti retrovisori appositamente danneggiati, a volte addirittura amovibili, e simulare incidenti con ignari utenti della strada, spesso lanciando palline di stucco o gomma, che non lasciano segni sui veicoli delle vittime, per simulare il rumore dell’urto.

Quindi, una volta raggiunti e costretti i conducenti a fermarsi, approfittando della concitazione del momento, segnano i veicoli coinvolti con gessetti o pennarelli dei rispettivi colori per simulare gli effetti dell’urto.

Infine, propongono un accordo transattivo con la controparte portando come motivo la non economicità di ricorrere alle assicurazioni, facendosi consegnare denaro contante e allontanandosi velocemente subito dopo.

LEGGI LE ULTIME NEWS