Trent’anni di “Puliamo il Mondo”: anche Verona partecipa alle attività

Sabato 1 e domenica 2 ottobre torna in tutta Italia l’appuntamento con la campagna di volontariato organizzata da Legambiente per ripulire strade, aree verdi e sponde dei fiumi dai rifiuti abbandonati.

Puliamo il mondo_Sommacampa2019_2
Foto d'archivio

Trent’anni di “Puliamo il Mondo”: anche Verona partecipa alle attività

Trent’anni di impegno collettivo in nome dell’ambiente e della cittadinanza attiva. Al centro la tutela e valorizzazione del territorio, città più pulite e vivibili, il senso di comunità unito al rispetto e all’accoglienza. È questa l’essenza di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato di Legambiente che da trent’anni chiama all’azione, a fine settembre, cittadini di tutte le età per ripulire insieme dai rifiuti abbandonati aree verdi, strade e piazze, angoli della città, ma anche sponde di fiumi e spiagge. Ogni anno a Verona sono almeno una cinquantina i cittadini che vi aderiscono.

Per tutti i cittadini che vogliono partecipare all’edizione 2022, l’appuntamento è per sabato 1 e domenica 2 ottobre, con la pulizia di alcune arre significative della città, dalla spiaggia “Verona Beach” al parco delle Mura, passando per gli argini dell’Adige a bordo dei gommoni. L’iniziativa trova come ogni anno il sostegno del Comune e la collaborazione di Amia.

«Un’attività pionieristica che nel corso degli anni ha visto nascere numerose iniziative di carattere spontaneo, contribuendo in modo significativo a sensibilizzare sulle tematiche legate all’ambiente – afferma l’assessore Tommaso Ferrari -. L’economia circolare e l’impatto del CO2 sono temi su cui l’attenzione dell’Amministrazione è molto alta, cosi come l’importanza di far capire ai cittadini che cambiare alcune abitudini non è più una scelta ma una necessità. Educare i più giovani è fondamentale, il nostro territorio è ricco di realtà e associazioni attive su questo fronte, bene che si continui a sensibilizzare su questi temi».

Gli appuntamenti in Italia

Puliamo il mondo Legambiente
Dalla pagina Facebook “Puliamo il mondo – Legambiente”

Nel weekend dal 30 settembre al 2 ottobre, sono oltre mille gli eventi in programma dal nord al sud Italia – dal Parco delle Mura di Verona alla spiaggia di Taranto, luoghi simbolo della campagna e al centro anche dello Speciale Rai Puliamo il Mondo in onda domenica 2 ottobre su Rai3 dalle ore 10.10 alle 11.10, da Milano a Maratea, passando per Perugia, Pratola Peligna, Caltanissetta e Roma, solo per citane alcuni – e che vedranno impegnati centinaia di volontari tra studenti, amministrazioni comunali, realtà aziendali e associazioni.

Gli appuntamenti a Verona

In Provincia vengono organizzate attività nei Comuni di San Bonifacio, San Giovanni Lupatoto, Buttapietra e Cavaion Veronese. Nel Comune di Verona sono tre gli appuntamenti organizzati per il fine settimana:

Sabato 1 ottobre

A Montorio con ritrovo alle 9 in Piazza delle Penne Nere, si ripuliranno le strade del quartiere e gli argini dei fossi di Montorio, con possibilità di giungere fino al Forte Preare, l’iniziativa è coordinata dall’associazione Fossi Montorio, non serve prenotare;

In Lungadige Catena, con ritrovo presso “Catena Beach”, quartiere Navigatori, ritrovo alle ore 14.30; si andrà a pulire il sentiero lungo l’Adige (destra orografica), non serve prenotare;

Pulizia lungo il fiume, discesa con i gommoni da Corte Molon a Bastione di San Francesco, partenza ore 14.30, in collaborazione con Associazione Verona Rafting, obbligatoria la prenotazione.

Domenica 2 ottobre

Domenica 2 ottobre ritrovo alle 9.30 presso Batteria di scarpa di San Zeno in Monte via San Zeno in Monte, fronte civico 21/b, si andrà a ripulire il Vallo di Cangrande in ambito Parco delle Mura area collinare.

L’appuntamento domenicale al parco delle mura sarà oggetto di una diretta RAI in collegamento con la sede di Roma. La campagna di sensibilizzazione è stata illustrata oggi in municipio. Presenti la presidente di Legambiente Verona Chiara Martinelli, per l’Associazione Verona Rafting Leonardo Turri e il consigliere di amministrazione di Amia Roberto Bertolo.

«In questi trent’anni Puliamo il mondo – ha affermato la presidente Martinelli – ha contribuito a far crescere nei cittadini la consapevolezza sull’importanza della tutela dell’ambiente, della corretta gestione dei rifiuti e del ruolo dei singoli per migliorare il decoro degli spazi comuni. Questa è un’edizione speciale perché coincide con gli interventi che il circolo veronese, trent’anni fa iniziò a realizzare per il recupero del Parco delle Mura, con iniziative di bonifica e restauri di aree chiuse e inaccessibili dal dopoguerra. Durante la diretta Rai racconteremo gli interventi realizzati dell’associazione negli ultimi 30 anni».   

LEGGI LE ULTIME NEWS

«L’attività sull’Adige serve per recuperare soprattutto rifiuti ingombranti che vengono gettati sugli argini, dalle biciclette ai materassi, e che sono i mezzi di navigazione riescono ad intercettare – ha spiegato Turri -. Partecipiamo con entusiasmo a questa campagna, non tanto per la quantità di rifiuto che riusciamo a raccogliere ma per la sensibilizzazione sull’acqua perché i fiumi sono le vene della terra».

Le attività veronesi sono realizzate con il patrocinio e il supporto del Comune e con la preziosa collaborazione di AMIA, storica partner dell’iniziativa che anche quest’anno mette a disposizione dei partecipanti materiale per la raccolta dei rifiuti, un mezzo automatizzato ed una squadra di operatori che supervisionerà e coordinerà le attività. Gli operatori si occuperanno inoltre del trasporto dei rifiuti raccolti e del successivo smaltimento. 

«Amia collabora fattivamente con i volontari di Legambiente e i cittadini delle zone interessate da Puliamo il Mondo già da diversi anni – commenta Roberto Bertolo, consigliere di amministrazione della società – Un’iniziativa che coniuga sostenibilità ambientale, sensibilizzazione ecologica e che rispecchia le mission ed i valori della nostra azienda. Valori che da sempre cerchiamo di esportare nei quartieri, nelle scuole ed in tutto il territorio veronese. Tra questi, la promozione del senso civico, una corretta cultura della raccolta differenziata, il collaborazionismo con associazioni di volontariato che, come noi, hanno a cuore il decoro e la vivibilità della città. L’obiettivo è quello di sensibilizzare gli abitanti sull’abbandono indiscriminato dei rifiuti, una pratica ancora purtroppo diffusa in molte zone cittadine». 

Indagine Park litter

Durante il 2021/2022 è stata realizzata in tutta Italia e anche a Verona, un’indagine sul park litter, i microrifiuti presenti nei parchi urbani. I monitoraggi sono stati effettuati in 56 parchi pubblici in 28 città:

  • Ancona,
  • Avellino,
  • Bari,
  • Borgaro Torinese (TO),
  • Cagliari,
  • Castel Maggiore (BO),
  • Cesena, Chiaravalle (AN),
  • Firenze,
  • Genova,
  • Milano,
  • Napoli,
  • Nicolisi (CT),
  • Perugia,
  • Pescara,
  • Piacenza,
  • Pineto (TE),
  • Policoro (MT),
  • Pozzuoli (NA),
  • Roma,
  • Rovigo,
  • San Donà di Piave (VE),
  • San Pietro in Cariano (VR),
  • Sant’Arpino (CE), Succivo (CE),
  • Torino,
  • Varese,
  • Verona.

In queste città sono stati effettuati un totale di 66 transetti di monitoraggio di 100 m 2 ciascuno, per un totale di 6.600 mq. Raggruppati per categorie di materiali, i rifiuti dispersi nei parchi sono per il 62,1% di polimeri artificiali (plastiche) per un totale di 19.844 rifiuti, per il 13,5% di carta e cartone (4.327 rifiuti), per il 12,7% di metallo (4.055) e per il 7,1% di vetro e ceramica (2.260). La restante percentuale di rifiuti (4,6%) è composta da rifiuti in gomma, materiale organico, legno trattato, tessili, bioplastica e materiali misti e RAEE.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv