Tre ballottaggi nel Veronese: le sfide a Legnago, San Bonifacio e Pescantina

Non è finita con le elezioni amministrative: saranno tre i ballottaggi nel Veronese. A Legnago, San Bonifacio e Pescantina si torna alle urne domenica 23 e lunedì 24 giugno. Ecco le sfide.

Ballottaggi Legnago, San Bonifacio, Pescantina
Ballottaggi: sopra Cesaro e Longhi a Legnago, Verona e Soave a San Bonifacio. Sotto Vangi e Pedrotti a Pescantina

Si è chiuso ieri in tarda serata lo spoglio per le elezioni amministrative in provincia di Verona. Ben 45 sindaci sono stati decisi al voto sabato 8 e domenica 9 giugno, ma tre comuni oltre i 15mila abitanti andranno al secondo turno, in quanto nessuno dei candidati ha ottenuto il 50% più uno dei voti validi. A Legnago, San Bonifacio e Pescantina si va al ballottaggio domenica 23 e lunedì 24 giugno 2024.

Tutto è ancora in gioco: molto dipenderà dalle indicazioni dei candidati esclusi e dalle scelte dei loro elettori, che potrebbero anche decidere per l’astensione.

LEGGI ANCHE: Elezioni comunali in provincia di Verona, tutti i risultati

A Legnago la sfida sarà fra Andrea Cesaro, che ha raggiungo il 37%, e Paolo Longhi, al 34,22%. Più indietro Roberto Danieli 21,08% e Simone Tebon 7,70%.

Andrea Cesaro e Paolo Longhi
Andrea Cesaro e Paolo Longhi

A San Bonifacio la sfida per entrare al ballottaggio è stata sul filo di lana, con ben sei candidati: escluso Nicola Gambin al 23,09%, mentre sarà un confronto fra Antonio Verona arrivato al 28,95% e Fulvio Soave al 23,70%. Staccati Maicol Faccini (10,06%), Simona De Luca (8,64%) e Fabio Merlo (5,55)%.

Antonio Verona e Fulvio Soave
Antonio Verona e Fulvio Soave

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere

Infine a Pescantina stacca tutti Aldo Vangi con il 42,83%, ma dovrà affrontare il ballottaggio con Davide Pedrotti arrivato al 23,65%, che ha superato Massimo Proietti (21,22%). A completare il quadro Lorenzo Mascanzoni con il 12,30%.

Aldo Vangi e Davide Pedrotti
Aldo Vangi e Davide Pedrotti

Fra i comuni oltre i 15mila abitanti al voto c’erano anche Negrar di Valpolicella e Valeggio sul Mincio, ma vista la presenza di due soli candidati, il sindaco è già stato deciso al primo turno.

Sarà Fausto Rossignoli (58,49%) a Negrar, che ha superato Giorgio Mancini (41,51%). A Valeggio torna il già sindaco Alessandro Gardoni (63,37%), mentre lo sconfitto è Enrico Bertuzzi (36,63%).

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici