Tentano di soffocare un operaio scambiato per un ladro, rintracciati a Verona

Fermati in provincia di Verona due uomini, un 35enne e un 37enne. Sono accusati di una brutale aggressione in un cantiere del Bolognese, ai danni di un operaio scambiato per un ladro.

carabinieri finti poliziotti

Sono stati arrestati in provincia di Verona i due operai, un 35enne e un 37enne, ritenuti responsabili di una brutale aggressione ai danni di un uomo di 34 anni, scambiato per un ladro, secondo quanto riporta l’Ansa. La vittima, insieme al suo capo, lo scorso 22 luglio voleva recuperare degli attrezzi in un cantiere edile del Bolognese, a Castenaso.

I due operai accusati dell’aggressione lo avrebbero picchiato, legato mani e piedi a un tavolo con del fil di ferro, e avrebbero tentato di soffocarlo. Nel mentre un residente, sentendo i rumori provenire dall’area del cantiere, ha chiamato i Carabinieri che una volta giunti sul posto hanno trovato il 34enne privo di sensi.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Sembra che i due, licenziati da qualche giorno, dormissero nel container teatro dell’aggressione, e abbiano reagito all’ingresso dell’operaio ritenendolo un ladro. I due uomini accusati dell’aggressione, uno dei quali di origini tunisine, sono stati rintracciati dai Carabinieri in provincia di Verona e al momento si trovano in carcere a Montorio in attesa dell’udienza di convalida del fermo.

LEGGI ANCHE: I controlli della velocità a Verona dal 15 al 21 agosto

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv