Tenta di impiccarsi da un tetto: salvato dai carabinieri

Si è legato una corda intorno al collo e ha minacciato di suicidarsi gettandosi dal tetto. È successo stamattina a Coriano dove un uomo di origini marocchine di 34 anni è stato fermato, appena in tempo, dai carabinieri prima di impiccarsi. Non era la prima volta che l’uomo, agli arresti domiciliari da marzo, minacciava il folle gesto. Ora il trentaquattrenne è stato portato all’ospedale di San Bonifacio per accertamenti.

Una corda al collo e la minaccia di buttarsi dal tetto da un’altezza di dieci metri. Questa la scena che si è presentata stamattina a Coriano ai carabinieri di Legnago e Ronco all’Adige, che sono stati impegnati per quasi un’ora e mezza nel tentativo di far desistere l’uomo dal compiere il folle gesto.

Il protagonista della vicenda è un trentaquattrenne di origini marocchine, agli arresti domiciliari da marzo, che, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, è salito sul tetto dell’edificio legando un’estremità della corda alla copertura e stringendosi il cappio intorno al collo. Una situazione rischiosa che poteva sfociare in tragedia molto velocemente.

Per fortuna l’uomo, che aveva già minacciato il suicidio venti giorni prima barricandosi in casa, è stato convinto dai militari a scendere e, successivamente, è stato portato all’ospedale di San Bonifacio per alcuni accertamenti.