Virtus Verona, domani sciabole per la salvezza

“È giunto il momento di mettere da parte il fioretto ed iniziare ad usare la sciabola” la conclusione di mister Fresco alla vigilia di campionato per la Virtus Verona non lascia spazio ad equivoci. Domani la squadra veronese sarà di scena a Gorgonzola contro la Giana Erminio per quello che si presenta come un nuovo scontro diretto.

“Sarà una battaglia, dovremo fare tesoro degli errori commessi martedì contro il Renate per andare a conquistare una vittoria che a questo punto diventa molto importante per il prosieguo della stagione” sottolinea il presidente allenatore rossoblu Luigi Fresco, “ci sono ancora tante partite, nulla è compromesso ma è chiaro che dobbiamo
ritrovare la vittoria altrimenti ogni discorso diventa inutile.

Sul risultato del 12 febbraio commenta “Non abbiamo fatto male a mio avviso, il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Ancora una volta paghiamo a caro prezzo un errore difensivo ma ormai tutto questo appartiene al passato”.

Sul capitolo formazione pesano le indisposizioni: “Danti ha avuto un po’ di febbre mentre Manfrin lamenta dolore ad un piede. Conto di averli a disposizione tutti e due ma decideremo all’ultimo. Sirignano sarà della partita invece.  Le nostre caratteristiche sono ben precise, siamo una squadra a cui piace giocare a calcio ma poi bisogna fare i punti”.