Virtus sconfitta a testa alta a Monza

Resta il rammarico per non aver portato a casa nessun punto, ma c’è la consapevolezza di aver fatto una buona partita che fa ben sperare per il proseguo del campionato. La Virtus Verona ha perso per uno a zero ieri la sfida contro il Monza targato Berlusconi – Galliani e guidato dal mister Christian Brocchi.

Aria gelida al Brianteo e tante le novità negli undici schierati in campo dopo i rinforzi del mercato invernale. Virtus che era partita molto bene, senza alcun timore reverenziale e che è stata punita soltanto al 39′ minuto del secondo tempo con un tiro dalla distanza di Palazzi deviato da Giorico, quel tanto che basta per mettere fuori causa il proprio portiere, Chironi. Per gli ospiti una traversa e un super Guarna, estremo difensore brianzolo, a negare la gioia del gol.

Partita che poteva finire in pareggio e che, invece, è andata ai padroni di casa per un episodio. La Virtus rimane al terz’ultimo posto davanti ad Albinoleffe e Giana Erminio. Martedì la Gavagnin-Nocini arriva il Pordenone.

TABELLINO

MONZA
Guarna, Anastasio, Galli (30’st Iocolano), Chiricò (20’st Ceccarelli), Lora (20’st Palazzi), D’Errico, Reginaldo (30’st Brighenti), Marconi, Scaglia, Bearzotti, Marchi.
A DISPOSIZIONE
Sommariva, Palesi, Barba, Tomaselli, Negro, Tentardini, Adorni. All. Brocchi

VIRTUS VERONA
Chironi, Rossi (42’st Nolé), Trainotti, Giorico (46’st Ferrara), Danti, Grbac, Lavagnoli (30’st Manfrin), Grandolfo (42’st Manarin), Sirignano, Casarotto (30’st Rubbo), Onescu.
A DISPOSIZIONE
Sibi, Pinton, Merci, Fasolo, Danieli, Goh, Giacomel. All. Fresco

ARBITRO
Meraviglia di Pistoia (Caso – Lazzaroni)

RETI
39’st Palazzi

NOTE
Giornata freddo, terreno in buone condizioni. Spettatori 3000 circa. Angoli 4-4. Ammoniti: Lora, Casarotto, Rossi, Marchi, Chiricò, Lavagnoli, Rubbo. Recupero: pt 0′, st 4′