Ronnie Quintarelli si riprende la testa del Super GT

podio-suzuka-2017

Con l’incredibile secondo posto (in rimonta) di Suzuka dello scorso weekend, il pilota veronese torna al primo posto della classifica generale a due gare dal termine del Campionato e si prende gli elogi di Jenson Button

Una rimonta pazzesca, dal dodicesimo posto ottenuto in qualifica fino al terzo posto in gara, diventato successivamente secondo in seguito alla squalifica del team che li aveva preceduti. Ronnie Quintarelli e il suo compagno di squadra Tsugio Matsuda, piloti della Nissan Nismo ufficiale, lo scorso weekend sul circuito di Suzuka hanno compiuto una vera e propria impresa, che li ha riportati in testa alla classifica generale a sole due gare dalla fine.

Le qualifiche alla durissima 1000 km di Suzuka non erano andate benissimo, con la Nissan GT-R numero 23 gommata Michelin, appesantita da molta zavorra, che non era riuscita – anche a causa dell’intenso traffico in pista nel momento del giro veloce – ad andare oltre il dodicesimo posto. Nonostante il risultato al di sotto delle attese, la squadra aveva comunque ottime sensazioni visto il buon bilanciamento della vettura sin dalle prove libere.

Domenica Quintarelli è sceso in pista per il primo dei sei stint di gara, numero minimo previsto dal regolamento, posizionandosi dopo la prima sosta in nona posizione. Sfortunatamente, a causa di un “unsafe release” al termine del terzo pit-stop, il team Nismo è stato punito con un drive through. Dopo essersi ritrovato in dodicesima posizione, il binomio Matsuda-Quintarelli ha completato un’altra rimonta sensazionale impreziosita da spettacolari sorpassi e da pit-stop perfetti. Dopo aver riguadagnato la terza posizione, la Nissan è GT-R numero 23 è stata promossa in seconda piazza grazie ad un problema tecnico per una delle vetture che precedevano. Al termine di sei tiratissime ore, Ronnie ha potuto festeggiare un nuovo podio, risultato straordinario considerata la posizione di partenza e la penalità subita. Ora il vantaggio su Ryo Hirakava e Nick Cassidy, secondi in Campionato, è di 11 punti a due gare dal termine: Thailandia il 7 e 8 ottobre, e Motegi l’11 e 12 novembre.

macchine-supergt

Schierandomi al via di Suzuka, volevo fortemente conquistare la testa del campionato per trovarmi in una posizione di forza in vista del penultimo round stagionale a Buriram in Thailandia. La corsa è stata assolutamente straordinaria, e ci ricompensa per il duro lavoro fatto con il team e con Michelin. Non hanno mai smesso di crederci e di continuare a sviluppare la macchina – ha dichiarato Quintarelli – “Sono anche onorato per le parole di Jenson Button, che mi ha indicato come il pilota che lo ha più impressionato durante il fine settimana. Oltre ad essere un campione del mondo di Formula 1, Button è un pilota che stimo tantissimo sin dalla giovane età, quando correvamo insieme in kart”.

Parlando di karting – ha concluso il pluricampione veronese – sono pronto a tornare in azione nel mondiale KZ che si correrà a Wackersdorf, in Germania, il prossimo 10 settembre. Essere riuscito a tornare al vertice del Super GT mi offre tante motivazioni in più per affrontare una delle più importanti sfide della mia carriera. Un grazie va a tutti i tifosi per il grande supporto a Suzuka, che ci ha dato motivazioni forti per lottare duramente fino alla bandiera scacchi e portare a casa questo preziosissimo risultato”.

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA GARA DI SUZUKA