Quintarelli, sfuma il sogno del quinto titolo in Super GT

Non è stato un fine settimana facile quello di Autopolis per Ronnie Quintarelli ed il team ufficiale Nissan Nismo. Nel penultimo appuntamento del Super GT 2018, il pilota italiano, originario di Sant’Anna d’Alfaedo, ha chiuso fuori dalla top-10 e non si potrà giocare il titolo (sarebbe stato il suo quinto personale) nella finalissima di inizio novembre a Motegi.

Al via sul tracciato a pochi chilometri da Kumamoto con Quintarelli affiancato come sempre da Tsugio Matsuda, il team sapeva che, per mantenere vive le speranze di titolo, sarebbe stato necessario ottenere un piazzamento a podio. Nelle prove libere i piloti hanno però riscontrato una mancanza di grip, specialmente all’anteriore. Nonostante le modifiche al set-up per la qualifica, il team ufficiale Nissan si è dovuto accontentare di un deludente quattordicesimo posto, finendo noni in classifica generale a una gara dal termine del campionato.

 

Al via della corsa, Quintarelli ha dato il cento per cento, rimontando con aggressività e guadagnando tre posizioni nel corso del suo stint rispetto al piazzamento in griglia. Poi, con un veloce pit-stop da parte della squadra, Matsuda è riuscito a tornare in pista dopo il cambio pilota in ottava posizione. Anche il pilota giapponese ha spinto al massimo per guadagnare ulteriore terreno ma, mentre lottava per la settima piazza, ha colpito un’altra vettura ed è dovuto tornare ai box per cambiare le gomme. La Nissan GT-R numero 23 ha così terminato la corsa quindicesima, fuori dai punti.

“Il risultato di Autopolis è forse la più grossa delusione di quest’anno. – ha affermato Quintarelli – Dopo nove stagioni consecutive, non potermi presentare a Motegi per il round finale in lotta per il titolo fa veramente male, considerando che siamo stati anche in testa al campionato nelle prime fasi avendo un’ottima competitività. Questo dimostra ancora una volta quando sia alto il livello del Super GT e feroce la lotta di sviluppo sia tra i costruttori automobilistici che di pneumatici. Cercheremo comunque di tenere alto il morale e di restare motivati al meglio per chiudere il campionato in modo positivo a Motegi, soprattutto per ricompensare i nostri tifosi, che ringraziamo per il continuo supporto anche in questi momenti di difficoltà.”