Spacciatore bloccato con spray urticante

Bloccato con lo spray urticante dagli agenti di polizia di Verona un tunisino di 37 anni, segnalato da una residente mentre stava spacciando sostanze stupefacenti nelle vicinanze di corso Milano. L’uomo, che alla vista dei poliziotti si è liberato nel canale di un involucro, ha tentato la fuga e, una volta fermato dagli agenti, ha cominciato a sferrare calci e pugni nel tentativo di liberarsi di un altro involucro contenente eroina. Il tunisino, dopo la direttissima, è stato messo ai domiciliari per detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Era uscito di prigione lo scorso marzo, dopo aver scontato una condanna di tre anni e due mesi di reclusione, Maher Gabsi, un uomo di origini tunisine di 37 anni arrestato dalla polizia di Verona per detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza a Pubblico Ufficiale.

La vicenda è avvenuta ieri, intorno alle 14.30, quando una donna ha segnalato alla Questura scaligera che, sulla pista ciclabile che collega le arterie stradali di corso Milano e via San Marco un uomo di etnia araba stava spacciando droga. Accorsi sul luogo, gli agenti hanno aspettato il tunisino che, alla vista della polizia, ha tentato di scappare verso via san Marco in bici gettando nel canale Camuzzoni un involucro. Bloccato dai poliziotti con l’uso dello spray urticante, l’uomo ha iniziato a sferrare calci e pugni agli agenti nel tentativo di liberarsi di un altro involucro contente eroina che stava nascondendo in bocca.

Finito in manette, il 37enne è stato sottoposto ad una perquisizione durante la quale sono stati trovati anche 105 euro, forse provento dello spaccio, e tre cellulari. L’uomo, già destinatario di un provvedimento di espulsione emesso dall’Ufficio Immigrazione della Questura di Verona, è stato messo agli arresti domiciliari a casa della moglie in attesa del processo.