Si recide le dita per incassare l’assicurazione

Si sarebbe provocato apposta una lesione permanente, recidendo ii tendini delle dita per incassare il risarcimento dell’assicurazione in caso di infortunio. A processo un veronese accusato di aver truffato due compagnie assicurative.

Voleva accaparrarsi il massimale da un milione di euro previsto dalle due polizze per il rischio di infortuni in caso di invalidità permanente. Così un veronese non ci ha pensato due volte e si è reciso apposta i tendini delle dita della mano destra.

Questa le accuse delle due compagnie assicurative che hanno denunciato l’uomo per frode. L’imputato, che si sarebbe procurato una lesione permanente al pollice, medio e anulare della mano destra, è stato rinviato a processo il prossimo dicembre.