Sboarina senza opposizione, ma si fa largo Ferrari

Tommaso Ferrari

Il Pd veronese ha i  leader dimissionari e a novembre andrà al congresso. Tosi perde i pezzi e pensa alle Politiche. Bertucco, pur critico, non è aprioristicamente ostile a Sboarina. Così nel centrosinistra emerge Tommaso Ferrari, 29 anni, di Verona Civica.

Cercasi opposizione al centrodestra di Sboarina.

Il Pd veronese, con i suoi leader dimissionari e caos interno nelle circoscrizioni, attende il congresso di novembre. Flavio Tosi, che pensa elle Politiche,  appare indebolito, con pezzi di peso della sua compagine che lo mollano – dopo Fabio Venturi e Vittorio Di Dio anche la votatissima Anna Leso. Il pentastellato Gennari e i suoi finora non brillano per intraprendenza. Così a parte il solito Bertucco, peraltro non aprioristicamente ostile a Sboarina, è l’enfant prodige del centrosinistra veronese, Tommaso Ferrari, 29 anni, quasi 800 preferenze personali e un brillante 5 per cento con la sua Verona Civica, a guadagnarsi lo scettro dell’opposizione

Ferrari oggi in consiglio comunale ha presentato una mozione contro quella che definisce “la solita spartizione politica” degli enti: “Va cambiato il regolamento delle nomine” dice ai nostri microfoni.

Il leader di Verona Civica ha poi posto un’interrogazione contro l’annullamento dei “libri viventi” al Tocatì: “E’ un atto grave, un atto di censura che non può esistere nel 2017,  specie nel contesto di un festival che pone il rispetto, la tolleranza e l’incontro come caratteristiche fondamentali”

Ferrari infine ha proposto un regolamento ad hoc per la “street art”. che preveda maggiore flessibilità per gli artisti di strada.

GUARDA IL VIDEO DI TV7 VERONA NETWORK: