Sanità partecipata, il Veneto avvia le procedure per un’assemblea permanente

Si costituisce la prima assemblea permanente delle associazioni. Manifestazioni d’interesse di organizzazioni di cittadini e pazienti dovranno essere inviate entro il 29 febbraio.

Nuovo corso OSS

Dando seguito a quanto previsto nelle “Linee di indirizzo organizzative del modello veneto per rafforzare e valorizzare la partecipazione attiva delle organizzazioni dei cittadini e dei pazienti impegnate nell’ambito sanitario e socio sanitario regionale”, la Regione del Veneto sta procedendo per costituire la prima assemblea permanente delle associazioni.

È stata infatti pubblicata venerdì 9 febbraio nel BUR Veneto n. 20 la manifestazione d’interesse a cui le organizzazioni dei cittadini e dei pazienti potranno partecipare al fine di determinare i componenti dell’assemblea. La scadenza per la presentazione della domanda è 29 febbraio 2024.

Tutte le informazioni sono disponibili a questo link.

Possono presentare la candidatura a membri dell’assemblea permanente le organizzazioni dei cittadini e dei pazienti. L’organismo sarà costituito dalle organizzazioni iscritte al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS), operative nel territorio della Regione con un minimo di dieci associati, impegnate in attività sanitarie e socio-sanitarie e che non abbiano tra i componenti degli organi direttivi, personale dipendente di aziende ed enti del SSR della Regione del Veneto.

LEGGI ANCHE: Ztl allo Stadio, a Verona si parte con il piano definitivo

Spetta al legale rappresentante delle organizzazioni dei cittadini e dei pazienti intenzionate a partecipare all’Assemblea rispondere all’avviso di manifestazione di interesse compilando il modello “Domanda di partecipazione e dichiarazione di sussistenza dei requisiti richiesti”, indicando nella medesima domanda il nominativo dell’associato che entrerà a far parte della suddetta Assemblea, il quale non dovrà essere un dipendente di Aziende o Enti del S.S.R. della Regione del Veneto.

Tale domanda dovrà essere inoltrata, unitamente agli allegati richiesti, tramite pec, all’indirizzo protocollo.azero@pecveneto.it entro il 29 febbraio 2024.

LEGGI ANCHE: Sr450 Peschiera-Affi vietata ai camion per tutta l’estate

«Il percorso che la Regione Veneto ha intrapreso – dice l’Assessora alla Sanità Manuela Lanzarin – è un percorso di dialogo tra Associazioni di pazienti ed amministrazione regionale di area sanità e sociale, nella quotidiana programmazione dei servizi e della loro implementazione. Tavoli e gruppi di lavoro diventeranno momenti di condivisione e consultazione, uniti alla possibilità di affrontare assieme le questioni care ai cittadini e ai pazienti. Un percorso che dà concretezza alla co-progettazione, non realizzabile in modo efficace senza l’ascolto delle esigenze dei destinatari stessi. La possibilità di valorizzare le “patient evidence” deve concorrere alla valutazione di un percorso di cura o di una terapia per renderlo più aderente alle esperienze vissute dalle persone».

LEGGI ANCHE: Passaporto in provincia di Verona: si può fare anche in 7 uffici postali