San Martino: avevano 2 kg di marijuana in auto, arrestati

Tre interventi dei Carabinieri nell'Est Veronese negli scorsi giorni in contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti: San Martino Buon Albergo, San Bonifacio e Monteforte d'Alpone.

carabinieri est veronese droga

San Martino Buon Albergo

I Carabinieri della Stazione di San Martino Buon Albergo hanno inflitto un duro colpo allo spaccio di stupefacenti del loro territorio di competenza. Infatti giovedì scorso, durante un posto di controllo nei pressi del casello autostradale di Verona Est hanno fermato e controllato due uomini di origine nigeriana, uno di loro residente a Lavagno mentre l’altro in Italia senza fissa dimora.

È stato l’atteggiamento del 43 enne di Lavagno, ad insospettire i militari che stavano procedendo al controllo. Infatti l’uomo è ben conosciuto nel paese e dai Carabinieri, normalmente sempre allegro e sorridente, mentre durante il controllo è apparso subito nervoso. Così i militari hanno approfondito il controllo e hanno sentito all’interno della macchina un odore acre ed inconfondibile di marijuana.

Così durante la perquisizione del veicolo sono saltati fuori ben 2 kilogrammi di stupefacente. I due uomini, di cui il secondo 31 enne, con precedenti specifici, sono stati quindi arrestati e portati in carcere a Vicenza dove sono rimasti anche dopo la convalida.

San Bonifacio

Denunce per detenzione di stupefacenti anche da parte dei Carabinieri della Compagnia di San Bonifacio. I militari della Radiomobile hanno pizzicato un giovane studente con addosso 15 grammi di marijuana, una quantità non elevata, ma sicuramente destinata allo spaccio poiché era suddivisa e confezionata in ben 35 dosi. Il giovane italiano è stato deferito alla locale Procura per detenzione ai fini di spaccio.

Monteforte d’Alpone

I militari della stazione di Monteforte D’Alpone, invece, hanno fermato e controllato un’altro giovane, italiano, trovandolo in possesso di 7 grammi di cocaina, suddivisi in dosi e già pronti ad essere venduti. Anche lui è stato deferito all’Autorità Giudiziaria scaligera.