San Giovanni Calabria: le reliquie del Santo all’Ospedale di Negrar

Nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dalla nascita di don Calabria, saranno esposte nelle cappelle della Cittadella della Carità fino a questa sera. Domani partiranno alla volta del Centro polifunzionale di via San Marco a Verona, e il 7 e l’8 ottobre si potranno vedere a San Zeno in Monte.

reliquie San Giovanni Calabria
Il reliquiario con il sangue
New call-to-action

Le reliquie di San Giovanni Calabria sono state accolte ieri mattina davanti all’ingresso del “Sacro Cuore Don Calabria” di Negrar, struttura fondata dal sacerdote veronese, con una cerimonia molto partecipata da parte dei dipendenti della Cittadella della Carità, tra cui l’intera direzione e molti primari.

Il sangue del Santo e alcuni oggetti simbolo della vita e della spiritualità di don Calabria sono giunti in Valpolicella dopo aver viaggiato per 100mila chilometri (oltre due volte il giro del mondo), essere approdate in 13 Paesi di cinque continenti ed essere state venerate da decine di migliaia di persone in occasione dei 150 anni dalla nascita del sacerdote, avvenuta l’8 ottobre del 1873, le cui celebrazioni si svolgono in questi giorni.

reliquie San Giovanni Calabria
La celebrazione davanti all’ospedale di Negrar

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

Dopo l’accoglienza, l’evento è proseguito con la processione fino alla cappella dell’Ospedale don Calabria, la prima delle quattro piccole chiese presenti nella Cittadella della Carità dove saranno collocate le reliquie fino a stasera, 27 settembre alle 18, quando saranno portate nella chiesa parrocchiale di Negrar. Qui alle 18.30 il Casante dell’Opera don Massimiliano Parrella, settimo successore di don Calabria, celebrerà la Messa. Domani partiranno invece alla volta del Centro polifunzionale di via San Marco a Verona, altra struttura simbolo dell’Istituto a Verona. Infine, il 7 e l’8 ottobre si potranno vedere a San Zeno in Monte.

L’allestimento “Terra&Sangue” prende il nome dal reliquiario a forma di faro, immagine con la quale San Calabria esortava l’Opera, affinché vivendo concretamente il Vangelo illuminasse con la fede chiunque si avvicinasse ad essa. Il reliquiario, realizzato dal maestro Albano Poli, racchiude un’ampolla di sangue del Santo, poggiata sulla terra della città di Verona. Gli altri sei oggetti, ciascuno simbolo della vita e della spiritualità del sacerdote, sono gli occhiali, le scarpe, una lettera autografa, l’orologio, il portafoglio e la stola sacerdotale.