Salvini a Legnago contro i telegiornali. Mentana: «Questa critica ci fa un baffo»

Botta e risposta ieri tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il direttore di Tg La7 Enrico Mentana. Il vicepremier, ieri a Legnago per un comizio, ha infatti criticato i telegiornali che «parlano di fesserie che non interessano a nessuno». Linea dura quella mantenuta dal giornalista che, nell’edizione serale del telegiornale, ha replicato a Salvini: «Ricordiamo a Salvini che abbiamo avuto modo di attaccare, per queste offese all’informazione, chi ha governato prima, e per più tempo, di lui».

«Vi sfido, andate a guardare i telegiornali stasera, fate questo esperimento. Andate a guardare Tg1, Tg5 o La7. Scommettiamo che non ci sarà uno solo degli argomenti di cui stiamo parlando ma ci saranno tante altre fesserie di cui non interessa niente a nessuno?». Così ieri il vicepremier Matteo Salvini dal palco di Legnago, dove il leader del Carroccio ha tenuto il suo comizio elettorale. Nel mirino del ministro dell’Interno, i telegiornali delle principali reti televisive che, secondo Salvini, si interessano solo ad argomenti futili: «Ma ci sarà o no Fabio Fazio in televisione stasera?» fa esempio Salvini.

A rispondere al comizio di Legnago è stato più tardi Enrico Mentana, direttore del Tg La7, che durante l’edizione delle 20 del telegiornale ha commentato: «Questa sera, tanto per cambiare, Salvini ha scelto un nuovo obiettivo: non più conduttori o scrittori che non gli piacevano, ma direttamente i telegiornali. A noi francamente, con tutto il rispetto per il ministro dell’Interno, fa un baffo una critica come questa. Queste cose non fanno paura e non modificano nemmeno il nostro modo di lavorare».

Nel frattempo oggi Matteo Salvini sarà in visita a Montecchio Maggiore, Arzignano, Verona, Negrar e San Bonifacio, come annunciato sul suo profilo Twitter.