Piazza Pradaval, 25enne tenta la fuga per nascondere hashish ma viene bloccato

Insospettiti dal forte odore gli agenti si sono fermati ma il ragazzo cerca di dissimulare poi la corsa finita male. Non era il primo reato.

arresto spaccio piazza pradaval

È accaduto ieri, venerdì 11 maggio, intorno alle 16 del pomeriggio, quando una pattuglia della Polizia Locale ha riconosciuto, in Piazza Pradaval, due giovani già in passato da loro denunciati all’Autorità Giudiziaria per spaccio di sostanze stupefacenti.

Insospettiti dal forte odore di hashish intorno a loro, li hanno fermati per un controllo. In quel frangente, uno dei due, un 25enne di origini marocchine, ha subito cercato di dissimulare: con un gesto repentino, ha passato all’amico minorenne il marsupio che fino a quel momento portava con sé. Quando poi gli agenti hanno chiesto al compagno di mostrarglielo, il 25enne ha provato a strapparglielo di mano. Non riuscendo a vincere la presa, è scappato nella direzione opposta.

Scatta l’inseguimento che grazie all’immediata nota di rintraccio che la Sala Operativa della Polizia Locale ha condiviso con quella della Questura non ha lasciato via di fuga al ragazzo. Intercettato da una volante della Polizia di Strato dopo pochi metri, il 25enne è stato trovato in possesso di circa 70 grammi di hashish e di 185 euro in contanti che sono stati debitamente sequestrati come presumibile ricavo di spaccio: è quindi finito in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Appena dieci giorni fa, il 25enne era già stato denunciato dalla Polizia di Stato per rapina. Dagli accertamenti dei poliziotti è poi emerso che era già espulso perché non in regola con la legislazione in materia di immigrazione oltre a non aver rispettato l’ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale.

Questa mattina, all’esito del rito direttissimo, il Giudice ha convalidato l’arresto senza disporre alcuna misura. Su ordine del Questore, il venticinquenne marocchino è stato nuovamente espulso con decreto prefettizio.