PFAS e Terzo Settore, Renzi a Verona

Andatura svelta e pochi commenti, il segretario del PD oggi ha fatto tappa a Verona. Una volta arrivato in stazione si è intrattenuto qualche momento con Don Carlo Vinco, presidente della Opera Pia Ciccarelli per poi dirigersi ad Avesa, in visita alla cooperativa Quid. Sul treno che l’ha portato da Vicenza a Verona si è confrontato con alcuni comitati No Pfas.

Sono passate le 13 quando Matteo Renzi arriva con tanto di carrozze colorate a Verona. Nel frattempo la stazione si è riempita di simpatizzanti, alcuni si sono portati da casa persino le bandiere e le lasciano sventolare sotto la tettoia del binario 7. Volano invocazioni sporcate da qualche contestazione quando appare il volto del segretario del Partito Democratico. Un martedì di certo delicato per l’ex premier che ha incontrato stamattina a Vicenza i risparmiatori infiammati della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca. Ha fatto tappa nella città scaligera durante il tour che lo sta portando a visitare le città d’Italia con particolare attenzione alle realtà imprenditoriali e sociali. Renzi si è intrattenuto qualche momento solo con Don Carlo Vinco, presidente della Pia Opera Ciccarelli proprio sul tema del terzo settore.

Partito da Vicenza, in carrozza il segretario nazionale con alcuni esponenti del PD  locale si è confrontato con alcuni comitati NO PFAS. Sulla questione Renzi ha promesso di incalzare la Regione, ministero dell’Ambiente e ministero della Salute.

Andatura svelta e pochi commenti. Ha preso subito la macchina e si è diretto ad Avesa in visita alla cooperativa sociale Quid, un marchio di moda sostenibile pluripremiato con un’ottantina di dipendenti. Il progetto promuove l’inserimento lavorativo di persone con un passato di fragilità in particolare donne che producono moda femminile utilizzando rimanenze tessili. Il viaggio dell’ex Premier è poi proseguito verso Mezzocorona, in Trentino.

 

GUARDA IL SERVIZIO DI TV7 VERONA NETWORK: