Peschiera del Garda, operativo il nuovo Piano di Protezione Civile

31 zone di raccolta contrassegnate con il colore verde, due dedicate al ricovero in caso di necessità, una destinata ai soccorritori. A Peschiera è operativo il Piano di Protezione Civile in caso di eventi calamitosi. La sindaca Gaiulli: «La protezione civile siamo tutti noi, responsabili della nostra sicurezza e di quella dei più fragili».

Peschiera del Garda protezione civile
New call-to-action

Il Comune di Peschiera del Garda si è dotato nel corso dell’anno del Piano di Protezione Civile. Si tratta di un piano redatto dal Comune in ausilio a tecnici specializzati che fornisce indicazioni da seguire nel caso si verificasse un evento calamitoso, sia esso un terremoto, un’inondazione, un incendio.

Il Piano ha suddiviso il Comune in 31 zone contrassegnate da cartelli di colore verde con la lettera A. I cartelli significano che in quell’area c’è un punto di informazione e di assistenza. Le persone, dunque, in caso di calamità devono radunarsi sotto il cartello e attendere l’arrivo di volontari incaricati di fornire tutte le informazioni necessarie su quello che è accaduto e sui passi successivi da compiere.

LEGGI ANCHE: Elezioni provinciali: due liste, sarà centrodestra contro centrosinistra

«Si tratta di momenti di grande agitazione – spiega la sindaca di Peschiera del Garda Orietta Gaiulli – e sapere preliminarmente dove andare nella certezza di trovare  qualcuno in grado di guidarci è un primo importantissimo aiuto». Il secondo step, per coloro che a causa dell’evento calamitoso non possono far ritorno alla propria abitazione, perché inagibile o inutilizzabile, consiste nel raggiungere i cartelli di colore rosso contrassegnati con la lettera R. Due all’interno del Comune: uno alla Scuola di Porto Vecchio, l’altra ai Campi Sportivi Manuel Cerini. Qui le persone verranno assistite e verrà dato loro un ricovero temporaneo con disponibilità di bagni e locali mensa.

Peschiera del Garda protezione civile

LEGGI LE ULTIME NEWS

L’ultima zona che è stata individuata, nel parcheggio dei campi sportivi, è contrassegnata da un cartello di colore giallo con una lettera S e riguarda unicamente i volontari. Qui si raduneranno i soccorritori per poi decidere come intervenire.

«Il piano di protezione civile è un piano redatto da tecnici specializzati ma riguarda tutti i cittadini – prosegue Gaiulli -. Tutti i cittadini, nel momento in cui si verifica un evento drammatico, sono protagonisti del piano di protezione civile perché bisogna che mettano in campo le proprie energie per aiutare se stessi e le persone più fragili». La sindaca invita poi i suoi concittadini a individuare preliminarmente l’area di raccolta a loro più vicina per essere pronti in caso di necessità. Gaiulli conclude infine: «Quando si verifica un evento drammatico la protezione civile non è fatta da chi, volontariamente, opera in questo senso tutto l’anno. La protezione civile è fatta da tutti noi».

LEGGI ANCHE: Incendio in via Mazzini, Vigili del fuoco in azione in centro a Verona – LE FOTO

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM