Paolo Aleotti ci racconta “La Costituzione della Terra”

Mercoledì 16 giugno e Sabato 19 giugno, il giornalista Paolo Aleotti terrà un incontro nella chiesa di San Fermo Maggiore per parlare del progetto “La Costituzione della Terra”.

Uguaglianza di tutti
Uguaglianza di tutti
Simbolo della WWF

Mercoledì 16 giugno e Sabato 19 giugno, alle 16, il giornalista della Rai Paolo Aleotti terrà un incontro nella chiesa superiore di San Fermo Maggiore per parlare del progetto “La Costituzione della Terra”. Insieme a lui saranno presenti anche il WWF Verona e l’associazione Il Carpino.

L’evento rientra nella rassegna La tavola della cultura collegata alla mostra Il Cenacolo di Leonardo da Vinci. Dalle crepe la luce esposta nella chiesa superiore fino al 1 agosto. La rassegna, organizzata da Erika Prandi e promossa dalla parrocchia di San Fermo Maggiore, è patrocinata dal Comune di Verona ed è sostenuta dalla Fondazione Giorgio Zanotto e da Amia Verona S.p.a. Sponsor tecnico è il ristorante Sant’Eufemia.

Leggi su Daily anche le azioni compiute da Giorgio Zanotto: https://daily.veronanetwork.it/?s=giorgio+zanotto

ERIKA PRANDI

Il titolo dell’incontro è il riassunto degli argomenti di cui tratterà Aleotti: “Torna il sereno Zefiro. Dall’arte alla politica. Dai sentimenti più intimi e profondi ad una nuova coscienza sociale. Dalla pandemia globale all’alba di una possibile rinascita. La Costituzione della Terra”.

Il progetto nasce alla fine del 2019 a seguito della necessità di pervenire a un nuovo patto costituzionale tra tutti i popoli del mondo, in grado di garantire la loro convivenza pacifica e, prima ancora, le condizioni della vita sul nostro pianeta. Si tratta della sola risposta razionale e realistica alle terribili emergenze che minacciano il futuro del genere umano.

Immagini dalla Stazione Spaziale Internazionale

L’obiettivo di una Costituzione della Terra, sollecitando risposte simultanee e sistematiche a tutte queste emergenze, equivale a un programma politico razionale in grado di unificare le tante battaglie nelle quali sono impegnate in tutto il mondo migliaia di associazioni: dalle battaglie civili in difesa dell’ambiente a quelle a sostegno della garanzia universale dell’acqua potabile, dai movimenti pacifisti per il disarmo nucleare alle mobilitazioni per l’uguale garanzia del diritto alla salute di tutti gli esseri umani, da quelle contro la povertà e la fame nel mondo fino alle lotte a sostegno dei diritti alla sopravvivenza oggi negati ai migranti.

Uguaglianza tra le persone

All’incontro saranno presenti anche il WWF di Verona e l’associazione Il Carpino con due corner informativi posizionati nel chiostro della chiesa.

«La provincia di Verona è una delle province a più alta densità di biodiversità in Italia – riferisce il presidente del WWF Verona, Michele Dall’Ò -. Tuttavia, questa biodiversità sta subendo pesanti minacce. Ben venga quindi il progetto “La Costituzione delle Terra”, utile per risvegliare non solo le coscienze dei singoli cittadini ma soprattutto le Istituzioni».

«La nostra partecipazione all’incontro – spiega Mario Spezia, presidente dell’associazione Il Carpino – vuole rimarcare la necessità di una profonda riflessione sul tema del rapporto uomo/ambiente». L’associazione, infatti, è promotrice del progetto FAB – Fondo Alto Borago nato con lo scopo di acquisire e gestire i 38 ettari di terreno all’interno dell’area Borago – Galina. Per l’occasione, proietteranno in auditorium un breve filmato su questa iniziativa.

Acquisizione del terreno Altoborago

Gli appuntamenti della rassegna proseguiranno martedì 22 giugno alle 18 con Giuseppe Lupo, vincitore del Premio Viareggio 2018 e candidato al Premio Strega 2020, che terrà un incontro dal titolo “Raccontiamo storie per conoscere chi siamo” in cui presenterà il suo ultimo romanzo, Il pioppo del Sempione, edizioni Aboca.

La mostra Il Cenacolo di Leonardo da Vinci. Dalle crepe la luce, allestita nella chiesa superiore, è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30, il sabato dalle 11 alle 18 e la domenica dalle 13.30 alle 17.30. Le visite guidate sono disponibili il sabato e la domenica dalle 16 alle 17.30. L’ingresso è libero per i residenti nella Diocesi di Verona.

PAOLO ALEOTTI

Inizia a lavorare in Rai nel 1968, con servizi, inchieste e reportage per la trasmissione radiofonica Per Voi Giovani. Dal 1976 è giornalista professionista nel giornale Radio3 Rai, come inviato speciale in Europa, Usa e America latina. Dal 1978 è Vaticanista: segue Giovanni Paolo II in Polonia, Turchia, Germania federale, Nigeria, Benin, Gabon, Guinea equatoriale. Per 10 anni, dal 1990 al 2000, è corrispondente dagli Stati Uniti per il giornale radio e i TG della Rai (Tg1, Tg2, Tg3).

Paolo Aleotti

Dal 2001 è capo degli Spettacoli e Speciali di Radio 1 e del Giornale Radio Rai 1,2,3. Dal 2003, per Rai3, realizza inchieste e documentari, tra cui una serie di reportage per la trasmissione Ballarò: dagli Stati Uniti; dai Paesi che circondano l’Iraq, (Giordania, Siria, Israele, Turchia, Iran); dalla Francia delle Banlieu; da Cracovia in Polonia in occasione della morte di papa Giovanni Paolo II. Nel 2007 è autore e inviato per la trasmissione RT, a fianco di Enzo Biagi. Dal 2007 al 2013 è curatore di Che Tempo Che Fa, su Rai 3, condotta da Fabio Fazio. Dal 2013 coordina il progetto TeleRadioReporter presso la casa circondariale di Bollate. Dal 2002 è professore di Giornalismo radiotelevisivo al Master di Giornalismo della Fondazione Basso di Roma e da alcuni anni insegna anche all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Locandina di Paolo Aleotti

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM