Non tutto è conn(c)esso: a Verona si parla dei pericoli del web

I Comuni e gli istituti scolastici di Grezzana, San Giovanni Lupatoto, Vigasio, Villafranca, San Bonifacio, San Pietro in Cariano e Bosco Chiesanuova aderiscono alla nuova iniziativa relativa all'educazione al web di studenti e genitori.

Non tutto è conn(c)esso web pericoli del web hacker dad didattica a distanza studente universitaria unviersitario studentessa scuola università VPN

Non tutto è conn(c)esso: a Verona si parla dei pericoli del web

Venerdì 11 febbraio, alle 11, presso la Prefettura di Verona, il Prefetto Donato Giovanni Cafagna presenterà il format dal titolo “Non tutto è conn(c)esso”.

L’iniziativa e i Comuni aderenti

L’iniziativa è composta da incontri formativi proposti a Grezzana, San Giovanni Lupatoto, Vigasio, Villafranca, San Bonifacio, San Pietro in Cariano e Bosco Chiesanuova. Gli appuntamenti saranno rivolti a giovani, educatori e genitori, oltre che alla cittadinanza tutta, per la prevenzione della violenza di genere anche nel web, deep web e nei social network. Il format è rivolto alle Amministrazioni Comunali e agli istituto scolastici.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Il format

Questa sinergia è indispensabile per garantire la diffusione di messaggi costruttivi nelle comunità. Il format include, complessivamente, sei incontri formativi (tre a cura dell’Amministrazione Comunale e tre a cura dell’Istituto scolastico) e 18 relatori

I principali argomenti trattati

  • Consapevolezza dei rischi e dei pericoli della Rete.
  • I minori da vittime ad autori di reati online: aspetti giuridico-penali per ragazzi e genitori.
  • Dipendenza dalla Rete e non solo.
  • Protezione dei dati personali e sensibili, in particolare sui Social. Cybersecurity.
  • Violenza di genere e hate speech/discorso d’odio.

Quando e come

Le Amministrazioni comunali dei sette Comuni coinvolti predisporranno le sale per ospitare gli incontri formativi. Questi ultimi si terranno tra i mesi di febbraio e aprile e tra ottobre e dicembre in forma mista (online e in presenza).

Il contributo di Fondazione Just Italia

Ciò è reso possibile grazie al contributo di ventimila euro della Fondazione Just Italia. Con il proprio Bando Locale, Just sostiene annualmente iniziative da concretizzare a beneficio della collettività. Altro contributo fondamentale è quello dell’associazione Valle degli Dei di Grezzana che ha co-organizzato l’iniziativa. Insieme a lei, anche l’Amministrazione comunale di Grezzana, l’IISS Copernico-Pasoli, la Rete Scuola e Territorio e l’associazione Prospettiva Famiglia di Verona.

L’importanza di educare le nuove generazioni

«Gli enti e le associazioni che hanno elaborato e perfezionato l’iniziativa ritengono indispensabile l’educazione delle nuove generazioni. Altrettanto importante è la formazione continua di educatori e genitori sia all’interno sia all’esterno dell’attività didattica», spiega l’assessora all’Istruzione e alle Pari Opportunità di Grezzana, Rosamaria Conti

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv