“No 194”, sabato ci sarà un corteo contro la legge sull’aborto

Alla manifestazione voluta dal Comitato No194, prenderà parte anche Forza Nuova. Immediate le reazioni di Pd e associazioni veronesi (come Assemblea 17 dicembre e One Bridge To Idomeni),  che l’hanno battezzato “il sabato nero”.

Prima di aderire al corteo antiabortista, Forza Nuova ha organizzato al Grand Hotel Des Arts in Corso Porta Nuova  un convegno internazionale dal titolo “Verona, Vandea d’Europa”. Parteciperanno diversi esponenti di estrema destra anche europei. Ci sarà Roberto Fiore, ex leader di Terza posizione, attivo negli anni Settanta e il consigliere comunale di Trieste, Fabio Tuiach, noto per alcune uscite pubbliche  come quella sui femminicidi che sarebbero  “un’invenzione della sinistra” secondo lui. Ventilata la presenza di  László Toroczkai, leader onorario di molte organizzazioni estremiste e paramilitari molto violente, sindaco di Asotthalom, una cittadina al confine serbo-ungherese, che ha costituito un corpo di polizia pararamilitare con il compito di andare  “a caccia di migranti” che però non ci sarà. A sostituirlo Marian Kotleba del Partito Popolare Nostra Slovacchia (ha organizzato una milizia anti-rom, nei suoi discorsi esalta la Slovacchia fascista).

Sulla pagina Facebook di Forza Nuova Verona si legge:

“Mai come in questo momento storico abbiamo la percezione, anzi la certezza di prepararci ad un futuro luminoso e positivo. Verona, autentico avamposto e città d’avanguardia che da sempre respinge i numerosi e insidiosi attacchi di chi vorrebbe distruggere pezzo dopo pezzo i valori della tradizione millenaria e cristiana, si presenta come la “Vandea d’Europa” e si candida per il prossimo futuro ad essere un laboratorio autenticamente rivoluzionario, per combattere i nemici dell’Europa dei Popoli, le leggi liberticide e contro la famiglia e la vita”.

Il Partito Democratico, in particolare nella persona della consigliera Elisa La Paglia, insorge:”Respinti da Milano, i fascisti, misogini e intolleranti di Forza Nuova si apprestano, sabato prossimo, a marciare su Verona al seguito del presidente nazionale del movimento estremista Roberto Fiore, contro la legge 194, contro l’autonomia delle donne, in nome di un progetto delirante che vorrebbe vietare l’aborto per ripopolare la Nazione e fermare “l’invasione africana””spiega La Paglia che continua:”Ribadiamo con forza che la Legge 194 ha fatto diminuire gli aborti del 65%, pertanto quando viene applicata bene, è una legge per la Vita e a tutela della donna e della loro libertà di scegliere”. Aspre critiche all’iniziativa anche da parte di molte sigle e associazioni (Assemblea 17 dicembre, Potere al Popolo – Verona, Non Una Di Meno – Verona, Arcigay Pianeta Milk, One Bridge To Idomeni, Circolo Pink, Laboratorio Autogestito Paratodos, La Sirena – Verona, Rifondazione Comunista, CUB – Confederazione Unitaria di Base) che scrivono in una nota: “Verona è il laboratorio di un rinnovato assalto ai diritti che ritenevamo ormai inalienabili, come dimostra la mozione presentata dal leghista ultra-cattolico Alberto Zelger per finanziare associazioni legate ai movimenti antiabortisti. E quella giornata mostra palesemente la saldatura tra movimenti di estrema destra, integralisti cattolici e pezzi governativi come la Lega (il ministro della Famiglia Lorenzo Fontana è iscritto al Comitato No194)” .

 

La locandina dell’evento di Forza Nuova