Viaggiava con documenti falsi, arrestato a Verona

Il trentatreenne di origini siriane era intenzionato a raggiungere illegalmente il nord Europa. Era giunto a Verona poco dopo la mezzanotte di ieri, con un volo proveniente dalla Grecia.

Polizia di Stato arresta giovane per maltrattamenti

Era intenzionato a raggiungere clandestinamente il nord Europa A.K.A, il trentatreenne di origine siriana rintracciato ieri dagli agenti della Polizia di Stato.

Il cittadino straniero, giunto a Verona poco dopo la mezzanotte di ieri, con un volo proveniente dalla Grecia, è stato fermato per un controllo intorno alle 2.55, mentre si trovava, con i propri bagagli, in via Cardinale.

Gli accertamenti effettuati hanno consentito di rinvenire un documento di identità, apparentemente rilasciato dal comune di Napoli, che, in un secondo momento, l’arrestato ha confessato aver acquistato da un uomo, conosciuto su una delle coste greche, al prezzo di 2500 euro.

Secondo la confessione resa dall’arrestato, il documento, evidentemente falso, gli sarebbe stato utile per raggiungere il nord Europa. Fornendo gli stessi dati anagrafici fasulli riportati sulla Carta d’Identità contraffatta, l’uomo aveva acquistato anche il biglietto aereo.

Arrestato per possesso di documenti validi per l’espatrio falsi, il cittadino siriano ha trascorso la notte all’interno delle camere di sicurezza della Questura. Oggi, dopo la convalida dell’arresto, il giudice ha condannato A.K.A. ad 1 anno di reclusione, disponendo la sospensione della pena.

L’ufficio Immigrazione della Questura di Verona avvierà, nelle prossime ore, le pratiche per procedere all’espulsione dello straniero.