Truffatrice seriale di Napoli presa a Verona

Almeno 10 i casi che portano la sua firma. La quarantenne partenopea ritirava, fornendo generalità contraffatte, i rimborsi Irpef al posto dei beneficiari.

Ci ha provato anche alcuni giorni fa, quando si è finta una 27enne palermitana in tre diversi uffici postali del veronese per incassare i 863 euro che sarebbero spettati alla ragazza, del tutto ignara della truffa.

Non era mai stata presa finora, ma il suo nome come la sua truffa erano noti. Infatti, accertate alcune irregolarità è subito scattato l’alert dell’ufficio anti-frode di Roma. Carmela Virgilio non appena ha provato a chiedere il rimborso allo sportello di Buttapietra, ultimo ufficio postale nel suo “tour” truffaldino, è stata arrestata per tentata truffa ai danni dello stato e tentata estorsione. La donna è stata condannata lo scorso 4 gennaio a sei mesi.

Dall’intercettazione della posta che l’erario manda ai beneficiari per informarli del rimborso, all’utilizzo dei plichi dei nominativi fino alla falsificazione dei documenti: il modus operandi, secondo gli investigatori, ha come matrice un’organizzazione criminale.