Trovati pesticidi revocati e pericolosi: denunciato agricoltore

I due pesticidi rinvenuti nel capannone dell'uomo erano stati revocati diversi anni fa per i loro gravi effetti neurotossici.

pesticidi pericolosi

La polizia provinciale ha eseguito nei giorni scorsi, in coordinamento con i tecnici dell’Ulss 9, un sopralluogo nell’azienda di un agricoltore a Monteforte d’Alpone. All’interno di un capannone, gli agenti hanno rinvenuto su uno scaffale a libero accesso due buste contenenti due pesticidi molto tossici, il Suldan con principio attivo l’Endosulfan puro e il Rumition PB con principio attivo l’Azinphos Metile puro che, data la loro pericolosità, andrebbero custoditi in un armadietto chiuso a chiave.

Inoltre il Ministero della Salute aveva provveduto a revocare il Suldan nel 2004 e il Rumition nel 1993 per i gravi effetti neurotossici. I detentori, per legge, avevano 6 mesi di tempo per disfarsi di eventuali scorte. Termine abbondantemente scaduto nel caso del titolare dell’azienda agricola di Monteforte. Per tale motivo l’uomo è stato denunciato per omesso smaltimento di rifiuti pericolosi e per scorretta modalità di deposito e gestione di sostanze pericolose.