Scomparso il giornalista Giuseppe Brugnoli, Sboarina: «Grave perdita per la città»

Si è spenta, a qualche settimana di distanza dal cronista Roberto Puliero, un'altra colonna dell'informazione veronese, il giornalista Giuseppe Brugnoli, ex direttore de "L'Arena" e de "Il Giornale di Vicenza".

È morto ieri Giuseppe Brugnoli, giornalista, direttore de “L’Arena” dal 1982 al 1993, dopo aver guidato “Il Giornale di Vicenza” dal 1975, entrambi del Gruppo editoriale Athesis, e “La Cronaca”, dal 1993 al 1994. Nato a Verona aveva 89 anni e lascia la moglie Adriana e quattro figli.

Laureato in Lettere all’Università di Padova era diventato giornalista professionista nel 1953. Fu uno dei primi iscritti, nel 1950, alla prima facoltà di giornalismo italiana all’Università Pro Deo, di Roma. Collaboratore di “Verona Fedele” dal 1948, iniziò come praticante al “Giornale di Vicenza”, nel 1954, e poi passò a “L’Arena” dove diventò capocronista. Poi la carriera da direttore dei due quotidiani. Nel 1998 si candidò anche a sindaco di Verona, per il centrosinistra. 

Cordoglio per la scomparsa di Brugnoli anche da parte del sindaco Sboarina: «Se ne è andata un’altra colonna della vita cittadina. Con la scomparsa dello storico direttore dell’Arena Giuseppe Brugnoli, Verona perde una grande figura. Una persona e un professionista di spessore che, per numerosi anni, attraverso le pagine del quotidiano, ha documentato la cronaca e l’evoluzione della nostra società. La sua è stata una vita dedicata all’informazione, è stato dentro la notizia da profondo conoscitore delle dinamiche e dell’animo veronese. Giuseppe Brugnoli testimone della veronesità, come lo sono stati altri due simboli recentemente scomparsi: Giorgio Gioco e Roberto Puliero. Una grave perdita per tutta la città e allo stesso tempo una importante eredità da portare avanti. A tutta la famiglia Brugnoli le mie più sentite condoglianze».