Nascondeva la droga con l’etichetta “verza per minestrone”

Un 44enne incensurato nascondeva in auto e in casa 800 grammi di droga, di diverso genere. Nei barattoli in cucina la "verza per minestrone" in realtà era marijuana.

Squadra Mobile Droga verza

Custodiva quasi 800 grammi di droga, tra cocaina, marijuana e hashish: l’uomo, S. L., 44enne veronese è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

La cattura è avvenuta lo scorso venerdì, a seguito di un servizio investigativo messo in atto dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Verona. Durante l’attività di indagine, i poliziotti sono riusciti ad individuare i movimenti sospetti dell’uomo e sono arrivati a riscontrare che lo stesso era dedito allo smercio di varie tipologie di sostanze stupefacenti.

Proprio all’interno dell’abitazione, nella tarda mattinata di venerdì scorso, gli uomini della narcotici, oltre a due bilancini di precisione e un coltello a serramanico, hanno rinvenuto quasi 10 grammi di cocaina, suddivisa in dosi, e 125 grammi circa di marijuana. Quest’ultima conservata all’interno di contenitori che, confusi tra le spezie dentro un mobile della cucina, riportavano i nomi di vari alimenti sulle etichette.

Sospettando che potesse essere occultato altro stupefacente, gli agenti hanno, quindi, deciso di estendere gli accertamenti all’interno dell’autovettura dove, in una scatola di scarpe, sono stati effettivamente rinvenuti circa 630 grammi di hashish, suddivisi in panetti.

S.L., incensurato, è stato arrestato a seguito dei necessari accertamenti e condotto al carcere di Montorio, in attesa della convalida del provvedimento.

Nella tarda mattinata odierna, il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto l’obbligo di firma.