L’ambasciatore di Israele in visita ufficiale a Verona

L'ambasciatore, accompagnato dalla moglie e dai figli, ha visitato anche Palazzo Carli. L’incontro è stato l’occasione per presentare le opportunità di collaborazione tra i settori produttivi strategici del territorio veronese e gli imprenditori israeliani.

Sindaco_ambasciatore israele

Il sindaco Federico Sboarina e l’assessore alle Relazioni internazionali Francesca Toffali hanno ricevuto, questo pomeriggio in sala Arazzi, l’ambasciatore di Israele in Italia Ofer Sachs.

All’incontro hanno partecipato il comandante delle Forze Operative Terrestri di supporto Generale Giuseppenicola Tota, il vicepresidente di Veronafiere Matteo Gelmetti, il consigliere comunale delegato all’Agricoltura Daniele Perbellini e i rappresentanti di alcune organizzazioni agricole scaligere.

L’incontro è stato l’occasione per presentare le opportunità di collaborazione tra i settori produttivi strategici del nostro territorio, le aziende agroalimentari veronesi e gli imprenditori israeliani.

Tradizionale scambio di doni tra il sindaco e l’ambasciatore: «Sono contento – ha detto il sindaco Sboarina – che l’ambasciatore, che già conosceva Verona per esserci stato in visita privata, abbia scelto di tornare per un incontro istituzionale. Non sono pochi gli ambiti che Verona e Israele hanno in comune, penso a Veronafiere e all’importanza che Vinitaly, Marmomacc e Fieragricola ricoprono per entrambi i nostri territori. Credo che, partendo proprio da questi comparti, ci sia la possibilità di sviluppare importanti partnership tra le aziende veronesi e quelle israeliane».

«La visita ufficiale dell’ambasciatore d’Israele a Verona – ha detto l’assessore Toffali – testimonia l’importanza che la nostra città sta acquisendo a livello internazionale. L’ambasciatore ha dimostrato grande interesse nei confronti dei nostri comparti produttivi, in particolare quello agricolo e della produzione dell’olio che a Verona è di particolare qualità. Altro settore centrale, in grado di favorire lo sviluppo delle nostre relazioni e dell’economia, è la cultura, che ci permettere di intercettare una domanda di turismo in costante crescita. Dal nostro punto di vista, c’è la volontà di mettere in rete le nostre eccellenze per internazionalizzarle. A questo l’amministrazione sta lavorando perché Verona ha tanto da offrire, sotto ogni aspetto».

L’ambasciatore d’Israele in Italia si è poi recato a Palazzo Carli, sede del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto, per una visita con la famiglia. La visita si è conclusa con la firma dell’Albo d’Onore, avvenuta nella sala dove sono custodite le immagini di tutti i Comandanti che si sono avvicendati a palazzo Carli dall’annessione del Lombardo Veneto nel 1866 fino ai giorni nostri.