Correrà tra le 15 e le 18 ore al giorno, per 20 giorni. È cominciata mercoledì mattina, in una splendida giornata di sole, l’impresa di Fabrizio Amicabile, 54 anni, di Ponti sul Mincio, paesino nel mantovano al confine con Peschiera del Garda. Correrà da Verona a Parigi in meno di venti giorni, tutto per finanziare la ricerca per combattere la Sclerosi Laterale Amiotrofica.

Fabrizio già nel 2016 aveva compiuto un’impresa simile: la metà dei chilometri, da Verona a Roma, in soli tre giorni. Una corsa infinita, che ha lo scopo di sensibilizzare più persone possibili lungo il suo percorso.

Il progetto è finanziato dal Club Rotary di Peschiera e del Garda veronese e dall’azienda Valigeria Roncato. I fondi raccolti saranno interamente devoluti all’Associazione Asla di Verona, che sta già collaborando con il Centro di Ricerca dell’Università di Padova.

Una corsa programmata nei minimi particolari, soprattutto per affrontare i tracciati impervi, come l’attraversamento della Alpi ad un’altitudine di più 2500 metri. Amicabile dovrà mantenere un’andatura di circa 70-80 chilometri al giorno. Un’impresa che necessita del supporto di sponsor ma anche della vicinanza delle persone.

Sostengono l’impresa i Comuni di Verona, tappa di partenza, Peschiera del Garda, sede del suo club sportivo Gsd Momboca. L’iniziativa è inoltre supportata dall’associazione Rotary club Peschiera e del Garda Veronese, insieme a molti altri enti e società private.
Ulteriori informazioni sul sito www.unacorsaperlasla.it.