Cà del Bue, Finocchiaro: «Mai parlato di riattivazione»

Il presidente di Agsm ha fatto una precisazione in merito al suo intervento a Univerò, durante il quale ha parlato di economia circolare e smaltimento rifiuti.

Il Presidente di Agsm Daniele Finocchiaro

Ha fatto parlare nelle ultime ore l’intervento del presidente di Agsm, Daniele Finocchiaro, ospite la settimana scorsa di Univerò, il festival del Placement organizzato dall’Università di Verona.

Durante l’incontro con gli studenti, Finocchiaro ha parlato dell’economia circolare e di smaltimento tramite termovalorizzatori. Un discorso, interpretato da alcuni quotidiani, come un richiamo alla riattivazione dell’impianto di Cà del Bue. 

Ieri, in serata, Finocchiaro ha quindi precisato la sua posizione in merito all’intervento: «Mi preme sottolineare quanto segue a chiarimento del contesto e dei contenuti espressi. – scrive in una nota stampa il presidente di Agsm – Sono stato invitato ad Univerò per parlare ad una platea di studenti della mia carriera manageriale e dei possibili suggerimenti per il loro percorso professionale. In coda a questo abbiamo parlato di energia e territorio. In quel contesto, ho affrontato il tema dell’economia circolare e di come sia importante la sensibilizzazione delle nuove generazioni su riciclo e raccolta differenziata per minimizzare il volume dei rifiuti da trattare e smaltire. – continua Finocchiaro – Senza mai citare Agsm, ma parlando a titolo personale, ho sostenuto che lo smaltimento è e sarà fondamentale soprattutto dopo il 2030. Quando cioè la direttiva europea imporrà una percentuale massima di rifiuti conferiti in discarica pari al 10%. In quest’ottica, oggi le tecnologie prevedono l’utilizzo di termovalorizzatori a impatto ambientale pari quasi a zero. Su questo tema ho evidenziato agli studenti quanto sia importante basare le scelte sul metodo scientifico, piuttosto che su posizioni non suffragate dal rigore dei dati». 

E conclude: «Non ho mai parlato di Ca’ del Bue per il quale non esiste alcun progetto di riattivazione dell’impianto di incenerimento. Il Cda di Agsm ha invece approvato un investimento per utilizzare Ca’ del Bue per la produzione di biomasse da rifiuti organici, attraverso la creazione di un nuovo digestore che non prevede alcuna combustione».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.